7 dicembre 2016

Ostia Antica, le mille contraddizioni di un territorio al limite del collasso

Dopo la denuncia del CdQ Ostia Antica-Saline e di molti cittadini, pendolari in particolare, finalmente, via della Stazione di Ostia Antica, è stata spazzata dalle migliaia di aghi di pino, che da sempre ostruiscono le catitoie, dove comunque campeggia, tristemente una bici vandalizzata.
Il parcheggio incriminato della stazione, pulito, dall’Ama, sommariamente, dove ancora fanno bella mostra alcuni rifiuti, e dove due materassi ed una batteria di auto, aspettano l’arrivo dei mezzi speciali per lo smaltimento necessario.
Il tristemente noto, cavalcavia pedonale, unico passaggio per andare agli Scavi Archeologici, e verso il “dimenticato” Borgo di Ostia Antica, rimane “genialmente” non fruibile ai portatori di handicap e ai diversamente abili, e come ormai da anni e’ di nuovo una “pattumiera” a cielo aperto.
Davanti l’ingresso della stazione, da mesi, staziona una voragine, diventata un ricettacolo di rifiuti, e dove ancora una volta, le bici parcheggiate diventano bottino di caccia dei soliti vandali, che spaziano tra il danneggiamento delle auto, le moto e bici lasciate in sosta.
Difficile valutare e comprendere certe anomale situazioni, ma questo è, ancora, il nostro paese, questo è, forse quello che ci meritiamo?
Gaetano Di Staso
Associazione “Salviamo Ostia Antica”