10 dicembre 2016

Desmobullring: la pagella del Dicos

ANDVEA IANNONE 10 e lode: E’ l’uomo del trionfo ducatista dopo 6 anni di attesa. In Austria è sempre stato il punto di riferimento ed è stato anche bravo a vincere la scommessa degli pneumatici da adottare in gara. Grazie ad una mescola morbida all’anteriore vince il duello contro il compagno di squadra, l’unico in grado di impensierirlo. La pole position, il giro veloce e la vittoria consacrano il ragazzo di Vasto che entra nella storia della leggenda ducatista. Unire il piacere della prima volta nella massima serie con quello di essere riuscito laddove alcuni hanno fallito miseramente è tanta roba. Superbo!

 

ANDREA DESMODOVI 7: Al Zeltweg abbiamo assistito al meglio ed al peggio del romagnolo. Veloce e costante quando la moto glielo permette, incapace di sferrare la zampata vincente quando si tratta di andare oltre. Va bene usare la testa ma alle volte occorre lasciarsi andare; bisogna essere coriacei. Poteva essere la volta buona, ma ancora una volta non lo è stata. Peccato!

 

JORGE LORENZO 8,5: Solo qualche minus habens può aver pensato che il maiorchino avesse dimenticato come si guida veloce. Su una pista dove le Ducati hanno fatto la differenza, è lui il primo non desmodromico; ha fatto la differenza con chi insegue un titolo che neanche più nei giornali per indicare un articolo è opportuno. Non nasconde le difficoltà di adattamento con le Michelin, ma quando c’è il sole è lui il raggio più veloce della casa dei tre diapason. Ben tornato!

 

QUARTINO ROSSI 4: Doveva essere la gara del riscatto ma è stata una gara che ha portato solo 2 punticini rosicchiati su un malconcio Marquez. Eppure c’erano tutte le premesse per continuare ad alimentare la flebile speranza di cogliere il decimo sigillo. In gara, però, non solo non riesce a tenere il passo degli Andrea in rosso, ma non è neanche in grado di replicare all’azione del futuro desmorider. Se non accadono cose dell’altro mondo, il pilota di Tavullia continuerà a rimanere Mister 9 volte. Dispiace!

 

MARC V MARQUEZ 6,5: Il leader del campionato ha giocato in difesa, non solo perché non ha effettuato i test di poche settimane fa. Nella Fp3, infatti, dopo una brutta caduta, si infortuna la spalla destra. I postumi della botta, insieme ad una moto che palesa evidenti limiti nei confronti delle rivali blu e rosse, spingono lo spagnolo lontano dal podio. In realtà il suo è un risultato discreto, perché il distacco su Lorenzo è di 43 lunghezze, con quello su Rossi a prova anche di probabili macumbe medatiche. Benino!

 

DUCATI: Missili imprendibili, vanto italiano!

 

YAMAHA: Continua ad essere la più efficace.

 

HONDA: Continua a non essere all’altezza della migliore concorrenza. Senza il santo 93, il distacco sarebbe, a mio parere, ancora più evidente.

 

SUZUKI: Delizia nelle prove, crocettina in gara.

 

APRILIA: Croce nelle prove, idem allo spegnimento del semaforo.

 

GARA: Bella, bella!

 

GIOIA DESMODROMICA: In tanti hanno salutato con gioia l’affermazione del binomio italiano numerato 29. Dispiace aver notato un leggero mal di stomaco accompagnato a travasi di bile in alcuni che dapprima invocano l’italianità ma alla fine questa non vale sempre. Mannaggia, mannaggia…..La Ducati c’è, ripeto la Ducati c’è!!!!

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5989 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.