7 dicembre 2016

MotoGp, Austria: storica vittoria Ducati

Il GP d’Austria si conclude con il trionfo Ducati che dopo sei anni dall’ultima vittoria torna sul gradino più alto del podio con Andrea Iannone. Secondo è il collega di Team Andrea Dovizioso; Valentino Rossi, Movistar Yamaha, è giù dal podio al quarto posto mentre torna a sorridere Lorenzo, terzo e in ripresa. Marc Marquez è costretto ad inseguire e con il quinto posto conquista 11 punti iridati importanti.

Condizioni di pista buone e un cielo limpido caratterizzano la partenza della decima gara stagionale, la prima dopo la pausa estiva. Nel warm up il migliore è stato il pilota di Vasto seguito dal compagno di box Dovizioso a conferma delle ottime condizioni di Ducati sul Red Bull Ring. Lorenzo è pronto per dire la sua e nelle prove della mattinata mette la sua M1 vicino alle moto italiane con il terzo tempo con Rossi autore del quinto crono. Da registrare la caduta di Jack Miller durante il warm up. A causa dell’incidente e con la sesta vertebra fratturata l’australiano del team Estrella Gallicia 0,0 è non prederà parte alla gara.

In testa alla griglia di partenza c’è Andrea Iannone affiancato da Valentino Rossi e dal compagno di box Dovizioso. Una prima fila tutta italiana, non accadeva dal GP del Giappone del 2006. Seconda fila spagnola e aperta dal campione del mondo in carica Jorge Lorenzo, in grande recupero dopo il periodo di riposo. Al centro Marc Marquez, autore del quinto tempo in qualifica e vittima di una spettacolare e paurosa caduta durante la FP3 del sabato. Fortunatamente nulla di grave per il pilota HRC che però ha subito i postumi della grande botta alla spalla destra sull’asfalto. Chiude la seconda fila Maverick Viñales, team Suzuki Ecstar.

Tutti i piloti eccetto Iannone hanno scelto per gomma dura sul posteriore, l’autore della pole si affida invece alle Michelin medie. Tutto è pronto, si spegne il semaforo e inizia la gara al Red Bull Ring. Parte bene Iannone che è primo seguito da Dovizioso, il Dottore è terzo e alla prima curva Marquez va largo e costringe Lorenzo alla corda. Il maiorchino aveva fatto una grande partenza in sciai alla DesmiosediciGP. Primo alla fine dei primo giro Rossi prova ad attaccare Iannone ma il pilota di Vasto riprende la posizione. Mentre Dovizioso e Lorenzo duellano vicini.

I primi quattro hanno già un vantaggio sugli inseguitori e il numero 99 su M1 passa in seconda posizione dietro a Iannone, Rossi è terzo e Dovizioso quarto. Marquez insegue davanti a Viñales. L’iridato in carica si fa minaccioso negli scarichi della moto italiana mentre Rossi va largo alla curva tre e scivola in quinta piazza. Danilo Petrucci, Octo Pramac e Pirro, Ducati Team, sono tredicesimo e diciannovesimo.

La corsa è subito tiratissima e i cinque corridori sono in meno di 0.2s. The Maniac allunga e Dovizioso ha la meglio su Lorenzo quando mancano 23 giri alla fine. Cal Crutchlow, LCR Honda accusa problemi meccanici ed è costretto a bordo pista mentre Stefan Bradl, Aprilia Gresini entra ai box per controllare il suo prototipo.

Le Ducati non riescono ad allungare sulle M1 mentre Marquez e Viñales braccano le prime quattro posizioni con il pilota di Figueres che ha un vantaggio di oltre 2 secondi sul resto del gruppo comandato da Hector Barbera, Avintia Racing e fresco di rinnovo con il team spagnolo ma per lui sarà bandiera nera e dovrà rientrare ai box. Il numero 4 del Team si pome in testa alla corsa a diciotto giri dalla fine. Al settimo posto Dani Prosa, il pilota HRC è impegnato nell’inseguimento delle posizioni che contano e prova a ricucire sul numero 25 Suzuki.

A metà gara il gruppo di testa è diviso in tre coppie, le due Ducati ufficiali con in testa il numero 4, le due M1 e dietro Marquez e Viñales. Il vantaggio dei sei è consistente, 6.4s su Pedrosa. Il maiorchino ha il passo migliore del gruppo di testa che a dieci giri dalla fine si riduce a quattro piloti con il numero 93 HRC e la Suzuki che sembrano non tenere il passo.

Iannone tenta di riprendere la prima piazza e studia l’attacco al compagno di box mentre Lorenzo sembra aver rallentato il ritmo con Valentino le lo segue da vicino. A sette giri dalla fine si accende la sfida nel Team e il numero 29 passa al comando. Iannone è deciso a compiere l’impresa, riportare a Borgo Panigale quella vittoria che manca da tanto tempo e mette a referto il miglior tempo di 1:24.561s mentre dietro è Rossi che prova a studiare la mossa per avare la meglio sul rivale di scuderia ma Lorenzo sembra aver ritrovato la condizione migliore ed è inattaccabile.

Battute finali, la distanza tra le Ducati e le Yamaha è oltre due secondi e le moto italiane si avviano a fare loro la gara austriaca. Iannone taglia il traguardo per primo davanti al compagno di scuderia, è la sua prima vittoria nella classe regina. Lorenzo è terzo mentre Rossi resta giù dal podio. Seguono Marquez e Viñales con Pedrosa a oltre 2.7 secondi dal primo. Nell’ultimo giro cade Eugene Laverty, Pull&Bear Aspar, l’irlandese rimonta in moto ma sarà 18esimo.

Concludono la loro gara rispettivamente all’undicesimo e al dodicesimo posto Petrucci e Pirro.

Giorno storico per Ducati e per i tifosi della rossa di Borgo Panigale che non solo torna alla vittoria ma fa primo e secondo dopo l’1-2 messo a segno da Stoner e Capirossi in Australia nel 2007; mezza soddisfazione anche per l’altra metà d’Italia, quella rossista, grazie ai punti conquistati dal Dottore in campionato.

Dopo il decimo GP della stagione la classifica iridata vede al primo posto sempre Marquez con 181 punti. Lorenzo è secondo a 138 lunghezze iridate e in risalita mentre Rossi è terzo a 124 punti.

Fonte: motogp.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5976 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.