Missile Iannone, è pole in Austria




Pole position per Andrea Iannone al GP d’Austria. Il pilota del Team estende il dominio Ducati anche alle qualifiche e segna il miglior crono del sabato davanti a Valentino Rossi. Grande prova per il Dottore che si mette tra le due DesmosediciGP e partirà davanti ad Andrea Dovizioso. Jorge Lorenzo è quarto ad aprire una prima fila tutta spagnola con Marc Marquez, Repsol Honda quinto e Maverick Viñales, Suzuki Ecstar, sesto. Il campione del mondo in carica del team Movistar Yamaha sembra sulla via della ripresa dopo le libere in ombra e gli ultimi GP magri di soddisfazioni. Marquez è arretrato e costretto a stringere i denti dopo la brutta caduta nella FP3 e la lussazione della spalla destra, sarà solo la seconda fila per il pilota Repsol Honda.

Il pomeriggio in Stiria è caratterizzato dal clima stabile, il sole splende sul Red Bull Ring e la temperatura è di circa 24 gradi. Condizioni ideali per le qualifiche della classe regina. Le FP4 sono state nel segno di Dovizioso, il pilota del team Ducati ha segnato il miglior tempo della quarta sessione di libere mentre nella combinata a dominare è stato il compagno di box. Nelle Q2 entrano Eugene Laverty, Pull&Bear Aspar Team e Cal Crutchlow, LCR Honda, come migliori della Q1, restano fuori invece i Danilo Petrucci, Octo Pramac Yakhnich e Michele Pirro, terzo pilota e collaudatore del Ducati Team. Paura e una Q2 in salita per Marc Marquez; autore del nono tempo nelle libere il talento di Cervera ha sofferto le conseguenze di una brutta caduta della mattinata che gli ha causato la quasi rottura della spalla destra e il ricovero temporaneo all’ospedale di Leoben. Ora è ancora in sella ma in lotta con il dolore.

Partono le Q2 e i migliori dodici iniziano subito a spingere nei 15 minuti che determineranno le alte posizioni della griglia di partenza. La prima pole provvisoria la segna Dovizioso con il tempo di 1:23.668s seguito da Hector Barbera su GP14.2 Avintia Racing, poi Laverty. Rossi, che è sembrato l’unico a tenere il passo delle moto bolognesi con il terzo tempo in FP4, è ora quinto e in fase di studio per l’affondo finale mentre Lorenzo sale al secondo posto dopo il nuovo crono da primato del numero 29 Ducati, 1:23.623s. Il tempo dell’abruzzese è battuto da Dovizioso, 1:23.598s per il numero 4 con Viñales che si pone al quarto posto.

A tre minuti dalla fine delle qualifiche sia Marquez sia il Dottore provano a siglare il loro miglior tempo seguiti da Lorenzo. Il numero 99 spinge e conquista la pole provvisoria sintomo che le nubi si stanno diradando e il maiorchiono può essere il corridore impossibile da battere come aveva dimostrato ad inizio stagione. Ma a Spielberg sono le Ducati ad essere le vere protagoniste e anche Dovizioso si lancia nel sul miglior passaggio, è secondo. Dietro di lui tutti provano a siglare il miglior tempo. Il forlivese migliora e sale in pole con Rossi che con un giro al limite si mette davanti a tutti con il tempo di 1:23.289s. Sembra fatta per il Dottore che però deve fare i conti con il ritorno di The Maniac; sul traguardo del Red Bull Ring Iannone passa più veloce di tutti e sigla la pole definitiva con il tempo di 1:23.142s. Per il pilota Ducati è la seconda in carriera dopo il miglior tempo nelle qualifiche al Mugello la scorsa stagione mentre per Ducati è la conferma di una superiorità di motore che può essere fondamentale in gara domenica.

Prima fila tutta italiana, non accadeva dal GP del Giappone del 2006, mentre la seconda è tutta spagnola e formata da Lorenzo, Marquez e Viñales a 0.442s dal miglior tempo.

Danilo Petrucci e Michele Pirro, partiranno invece dalla tredicesima e diciassettesima piazza.

Domani la gara della classe regina scatterà alle 14:00 ora locale.

Fonte: motogp.com

loading...
Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 8386 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.