3 dicembre 2016

Dovizioso, il più veloce del venerdì

Il venerdì in Austria emette il primo verdetto della classe regina e a brillare, come da pronostico, sono le Ducati. Andrea Dovizioso e Andrea Iannone, piloti del team ufficiale, segnano il primo e il secondo tempo della combinata. I due portacolori della Casa italiana sono seguiti da Maverick Viñales, scuderia Sukuki Ecstar mentre Valentino Rossi prova a tenere il passo delle frecce desmodromiche e con la sua M1 colorata Movistar è quarto. Il Dottore è l’unico dei piloti in pista ad aver già corso su questa pista. Erano le stagioni 1996 e 1997 e con l’Aprila 125cc il numero 46 si faceva conoscere al mondo con due podi. Staccato e in ritardo rispetto ai primi Marc Marquez, il leader iridato portacolori HRC alla fine chiuderà la top ten.

La FP2 della massima cilindrata va in scena nel primo pomeriggio austriaco, il meteo è stabile e i protagonisti escono in pista con condizioni perfette dell’asfalto dopo che il migliore della FP1 è stato Viñales. Il primo tempo a referto è quello di Jorge Lorenzo. Il pilota Movistar Yamaha però cede subito la piazza alla due Ducati del team, prima ad Andrea Iannone, poi ad Andrea Dovizioso. Le DesmosediciGP dimostrano, come già fatto durante i test di essere perfettamente a loro agio sul veloce tracciato di Zeltweg. Al terzo posto si pone Marc Marquez, il leader iridato prova a sfidare le moto italiane ma alla fine non riuscirà ad essere tra i più veloci.

Anche Valentino Rossi vuole essere pilota di vertice in questo venerdì in Stirai e sigla il quarto tempo al quale risponde subito Viñales. Per molti giri però le due moto di Borgo Panigale dominano la scena con il miglior tempo del pilota abruzzese, 1:24.470s per il numero 29. Gli altri ducatisti restano nelle prime posizioni con Danilo Petrucci, Octo Pramac settimo e Michele Pirro, tester del Team nono. Jorge Lorenzo, scivolato al quattordicesimo posto, a meno venticinque minuti dalla bandiera a scacchi prova la rimonta ed è decimo ma a 1.4s circa da Iannone, alla fine sarà ottavo della combinata.

Da registrare la caduta senza conseguenze di Aleix Espargaro, pilota Suzuki Ecstar. Lo spagnolo scivola sull’asfalto della curva 8 quando mancano meno di venti minuti al termine delle prove mentre il connazionale del team Avintia Hector Barbera mette la sua GP14.2 al quinto posto dimostrando che anche le moto di Borgo Panigale delle stagioni passate sono molto competitive a Spielberg.

A dominare la tabella tempi sono sempre le moto italiane seguite da Viñales e da Lorenzo che a meno sei dalla fine emerge dalla bassa classifica. Ma è il talento di Figueres ancora una volta a mettersi in luce e si pone tra le due ducatisti ufficiali, ora è secondo a 0.062s da Iannone mentre Rossi si posiziona al quarto posto. Il Dottore prova risalire di posizione con un giro al limite ma resterà dietro le prime tre posizioni.

Iannone prede la scena e prova a rafforzare il suo vantaggio, il tempo del pilota italiano è nuovamente il più basso, 1:23.855s al quale risponde come un fulmine il compagno di box: 1:23.617s per Dovizioso che sarà il migliore del venerdì mentre Rossi resta quarto dietro a Viñales. Chiude il quintetto di testa Cal Crutchlow, LCR Honda a oltre un secondo dal forlivese. Petrucci è sesto e Pirro nono davanti a Marquez, decimo e staccato dalla vetta.

Fonte: motogp.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5925 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.