3 dicembre 2016

Castaldo, Lodo, Montrone e Vicino vincono il bronzo con il 4 senza

E l’Italia fa 13! A regalare all’Italia Team la nuova medaglia a Rio 2016 è ancora il canottaggio, questa volta con il 4 senza composto da Matteo Castaldo, Matteo Lodo, Domenico Montrone e Giuseppe Vicino. Il quartetto azzurro rimonta nei metri finali, spinge fuori dalla zona medaglie il Sudafrica, e conquista (in 6:03.85) l’ultimo gradino di un podio completato da Gran Bretagna (5:58.61) e Australia (6:00.44).

I Giochi Olimpici per l’Italia del canottaggio si chiudono con questa splendida medaglia di bronzo. Dopo 12 anni arriva un alloro olimpico nel quattro senza che si va ad aggiungere alla medaglia di bronzo vinta ieri dal due senza senior di Giovanni Abagnale e Marco Di Costanzo. Domenico Montrone, Matteo Castaldo, Matteo Lodo, Giuseppe Vicino avevano il compito di confermare l’Italia ai vertici mondiali dopo il titolo iridato conquistato lo scorso anno ad Aiguebelette. La finale sul Lagoa Rodrigo de Freitas si è svolta secondo i pronostici con i favoritissimi britannici a condurre sin dalle prime palate incalzati dall’Australia, che già nei turni preliminari era apparsa come la più accreditata avversaria dei Sudditi di Sua Maestà. La barca azzurra, dopo una buona partenza, si è insediata in quarta posizione, cercando di sviluppare velocità sul passo senza scomporsi, preoccupandosi di non perdere mai il contatto con le posizioni valide per le medaglie.

La regata si è quindi sviluppata con intensità ma in modo costante con le prime quattro posizioni rimaste cristallizzate sino all’ultima frazione di gara, quando i quattro canottieri azzurri hanno piazzato un serrate finale mozzafiato (miglior tempo assoluto negli ultimi 500 metri con 2″19 di vantaggio sui “mostri” britannici) che ha letteralmente lasciato sul posto gli esterrefatti sudafricani garantendo ai colori azzurri una seconda splendida medaglia di bronzo.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5930 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.