5 dicembre 2016

Tiro con l’arco, l’Italia resta in corsa con Mauro Nespoli

 

Dopo aver passato il primo turno David Pasqualucci perde ai sedicesimi di finale contro lo spagnolo Antonio Fernandez 6-2 e viene eliminato. Stesso risultato per Guendalina Sartori sconfitta 6-2 dall’indiana Deepika Kumari dopo aver vinto ai 32esimi. Sono invece fatali per Marco Galiazzo i trentaduesimi di finale contro Duenas (Can) che vince allo spareggio 7-5 (10-9). Domani eliminatorie e finali individuali femminili, che non vedranno in gara le azzurre. Venerdì 12 eliminatorie e finali maschili: l’Italia è ancora in corsa con l’Olimpionico Mauro Nespoli che affronterà alle 9:39 (ora brasiliana) l’indonesiano Ega Agatha Riau.

I tre arcieri italiani impegnati oggi negli scontri diretti individuali vengono tutti eliminati. David Pasqualucci batte Areneo David (MAW) 6-0 ma viene sconfitto ai sedicesimi di finale dallo spagnolo Antonio Fernandez per 6-2, è il punteggio che vale l’eliminazione.
Stesso percorso per Guendalina Sartori che dopo il successo 6-0 contro la colombiana Carolina Aguirre si arrende 6-2 ai sedicesimi di finale alla forte indiana Deepika Kumari.
Sfiora l’impresa Marco Galiazzo. Il plurimedagliato olimpico va sotto 4-0 contro il canadese Crispin Duenas ma recupera portando la gara fino al 5-5. La sconfitta arriva alla freccia di spareggio 10-9.
L’unico azzurro rimasto in gara ai Giochi Olimpici di Rio de Janeiro è Mauro Nespoli che venerdì 12 agosto affronterà l’indonesiano Riau Ega Agatha per gli ottavi di finale (14,39 ora italiana).
Domani al Sambodromo di Rio de Janeiro verranno assegnate le medaglie individuali femminili.

LA CRONACA DEGLI SCONTRI
1/16 Guendalina Sartori (ITA)-Deepika Kumari (IND) 2-6 Primo set azzurro, Sartori vince 27-24 il primo set. Sfida in parità, Kumari vince il secondo parziale 29-26. Sorpasso Kumari con il parziale di 28-26, punteggio sul 4-2. Guendalina Sartori viene eliminata con il 28-27 delle ultime tre frecce e 6-2 finale.

1/32 Guendalina Sartori (ITA)-Carolina Aguirre (COL) 6-0 Vince il primo set 29-24 con una grande volée Guendalina Sartori. Vola sul 4-0 l’azzurra grazie al 27-23 del secondo parziale. Vittoria 6-0 per l’arciera italiana che domina anche l’ultimo set 28-25 e vola ai sedicesimi di finale.

1/16 David Pasqualucci (ITA)-Antonio Fernandez (ESP) 2-6 Parte forte lo spagnolo che vince il primo set 28-27. Fantastico Pasqualucci, due 10 e un 9 e parziale di 29-24 che vale il 2-2. Torna avanti Fernandez con il 26-25, è 4-2 per l’iberico. Sconfitta per David Pasqualucci che perde il quarto set 29-28 e il match 6-2. Per Pasqualucci la delusione di aver perso, nonostante abbia realizzato nel complesso un punteggio maggiore dello spagnolo.

1/32 David Pasqualucci (ITA)-David Areneo (MAW) 6-0 L’azzurro si prende subito il primo set con un 8, un 9 e un 10, parziale che termina 27-23. Pasqualucci si porta sul 4-0 grazie al 22-17 della seconda volée. Vittoria finale per 6-0 per ‘azzurro che vince anche il terzo set 27-21.

1/32 Marco Galiazzo (ITA)-Crispin Duenas (CAN) 5-6 (9-10) Finisce 27-26 per il canadese Duenas il primo set. L’azzurro perde anche il secondo parziale 27-25, ora è sotto 4-0. Rientra in gara Galiazzo con il 29-28 del terzo set. Risultato sul 4-2 per Duenas. Pareggio di Galiazzo 4-4! Quarta volée 28-27 a favore dell’aviere azzurro. Si va allo shoot off, le ultime tre frecce si concludono sul 28-28. Esce di scena Galiazzo battuto alla freccia di spareggio 10-9.

LE DICHIARAZIONI
David Pasqualucci
“Lo scontro con lo Spagnolo non è andato così male, ma non è finita come volevo, altrimenti avrei portato a casa anche la seconda vittoria dopo quella dei 32esimi. Condizioni meteo difficili? Sicuramente il vento non mi ha aiutato, è stata la giornata peggiore sotto il punto di vista meteorologico da quando siamo qui. Purtroppo questo non è andato a mio favore e sono uscito. Mi spiace essere uscito, ma esordire alle Olimpiadi e fare questa esperienza mi aiuterà in futuro. Sotto il punto di vista mentale essere ai Giochi mi farà crescere dal punto di vista mentale, perché qui ogni scontro viene vissuto come fosse una finale. Esco con un bagaglio di esperienza importante che mi servirà per crescere e progredire come atleta. Però la nostra Olimpiade non è ancora finita, ci sono ancora altri compagni in gara, siamo un bel gruppo e certamente saremo tutti in tribuna a fare il tifo per chi ancora ha la possibilità di andare avanti. Marco Galiazzo? Lo vedo pronto e spero il meglio per lui. Comunque non credo che sarà la sua ultima Olimpiade, Marco è un ragazzo motivato e sicuramente punterà anche a Toyko. Io? Io vi do di sicuro appuntamento ai Giochi del 2020…”.

Guendalina Sartori
“Avevo buone intenzioni dopo la vittoria ai 32esimi, sono partita convinta, volevo passare assolutamente anche questo match, ma lei è stata più brava, non c’è molto altro da dire. I miei punteggi un po’ bassini, bastava fare un punto in più e lei lo ha fatto. Ero la più esperta del trio e volevo andare avanti anche come riscatto per quanto successo domenica. Passiamo sopra tutto, siamo forti e unite e arriveremo ovunque – dice affiancata da Lucilla Boari e Claudia Mandia al suo fianco -. Cosa non è andato? Dopo il primo scontro penso di aver pagato un po’ il fatto di essere rimasta nell’atrio atleti ad attendere il mio match con l’indiana invece di andare nel campo di allenamento a prendere altra acqua visto che già ne avevo presa tanta. La pioggia? Sapevamo che poteva capitare, quando partiamo sempre preparati ad ogni condizione, con tutta l’attrezzatura che serve, ma non mi ha infastidito la pioggia. Come chiudiamo questa esperienza? Secondo me con un grandissimo segno positivo. La squadra è andata bene, individualmente abbastanza bene e c’è ancora Mauro in corsa quindi potrebbe andare ancora meglio. Se penso a Tokyo? Ci sto già pensando, certo, quindi vi do già l’appuntamento al 2020”.

Il coach Ilario Di Buò
“La sconfitta di Guendalina? Possiamo partire direttamente dall’ultima freccia: Guenda ha fatto 9, Kumari 10. Questa è la sintesi del match. Guendalina l’aveva battuta poco tempo fa ad Antalya, oggi è successo l’inverso. Sono due atlete che si equivalgono. Guendalina ha fatto una gara abbastanza buona in condizioni meteo non eccezionali. Niente da recriminare, ha tenuto bene riuscendo a superare anche quei momenti in cui può deconcentrarsi o emozionarsi troppo. Durante un match, anche se dura poco, ci sono dei momenti in cui puoi avere alti e bassi e se riesci a modulare bene queste situazioni riesci a tirare come in allenamento e lei lo ha fatto. L’indiana si era invece calata da subito nel suo tunnel e va detto che ha tirato molto bene. Le ragazze già pensano alle prossime Olimpiadi? Dopo le interviste Guendalina è venuta da me e mi ha chiesto se domani poteva venire al campo ad allenarsi. Lei, così come Claudia e Lucilla, ma penso anche Vanessa Landi che era riserva e a tutte le altre che son rimaste a casa sono pronte e motivate per guadagnarsi un’altra chance ai Giochi di Tokyo”.

Il C.T. Wietse van Alten
“Il primo match di giornata, quello di David, lo ha passato abbastanza facilmente considerata la differenza di ranking. Nel secondo scontro non ha sbagliato molto, ma il livello non era sufficiente per essere sicuri di vincere. Il suo avversario è riuscito a fare meglio, anche se nel complesso David ha realizzato due punti in più: inutile pensarci però, perché qui si gioca col set system e non con la somma dei punti…
Per quanto riguarda Marco non possiamo dire che è partito bene, visto che era sotto 4-0, quindi la sconfitta non è tanto nel finale me nell’inizio del match. Ha avuto bisogno di due volée per entrare davvero in partia, ha fatto un bel recupero, ma non è stato sufficiente per andare avanti.
Guendalina Sartori? Ha tirato bene, è stata brava e forte. La Kumari però non è una qualsiasi, ha tirate bene e ci può stare di uscire contro una come lei”.L’Italia è però ancora in gioco con Mauro Nespoli che venerdì 12 partirà dagli ottavi: “Lui solo nel momento della gara a squadre è andato sotto il suo standard. Per il resto sta sempre tirando come deve e lo ha dimostrato in allenamento e nei primi due match eliminatori. Se tiene questo livello è un bene e poi vedremo dove finiremo. In teoria nel primo match che affronterà è più forte, ma alle Olimpiadi la teoria non conta nulla, perché ogni scontro è difficile e dobbiamo essere pronti dalla prima all’ultima freccia”.

GIOVEDÌ 11 AGOSTO
ELIMINATORIE E FINALI INDIVIDUALI FEMMINILI (non ci saranno atlete azzurre in gara)
14:00 Ottavi di Finale
14:13 Ottavi di Finale
14:26 Ottavi di Finale
14:39 Ottavi di Finale
14:52 Ottavi di Finale
15:05 Ottavi di Finale
15:18 Ottavi di Finale
15:31 Ottavi di Finale
20:00 Quarti di Finale
20:13 Quarti di Finale
20:26 Quarti di Finale
20:39 Quarti di Finale
20:55 Semifinale
21:11 Semifinale
21:27 Finale BRONZO
21:43 Finale ORO