Rieti, evasione ed elusione fiscale per tre milioni di euro: denunciato un imprenditore

Eseguite e concluse in questi mesi estivi alcune attività che hanno portato le Fiamme Gialle reatine ad accertare numerose irregolarità di natura sia amministrativa che penale. Tre milioni di euro di base imponibile sottratta al fisco e segnalata all’Agenzia delle Entrate di Rieti per i conseguenti recuperi, questi sono gli importi complessivamente contestati a due diversi imprenditori, uno dei quali anche denunciato all’Autorità Giudiziaria in quanto evasore totale. Nel primo caso, trattasi di verifica fiscale effettuata nei confronti di una società operante in ambito internazionale nel settore del commercio di materiale elettronico.

Particolare attenzione era stata prestata dagli investigatori alle operazioni “infragruppo”, vale a dire a quelle operazioni economiche (acquisti e cessioni di beni e servizi) poste in essere tra società appartenenti ad uno stesso gruppo di imprese (multinazionali) tra le quali una società è controllante mentre le altre sono subordinate ovvero “controllate”. La maggior parte delle irregolarità constatate ha infatti riguardato una particolare norma antielusiva denominata transfer pricing, volta ad evitare che, alterando il valore dei corrispettivi delle transazioni commerciali, i maggiori redditi delle imprese vengano attribuiti a società del gruppo situate in Stati a bassa fiscalità. Un altro intervento ispettivo si è invece svolto nei confronti di una società attiva nel settore dei carburanti e oli minerali che, per un singolo anno di imposta, ha volutamente omesso di dichiarare il volume d’affari conseguito senza quindi pagare neanche un euro di tasse.

Nel corso del controllo, tra l’altro, la documentazione contabile e fiscale esibita è risultata gravemente incompleta ed i finanzieri sono riusciti a ricostruire il volume d’affari della società avvalendosi dell’ausilio delle banche dati telematiche ove sono contenute molteplici informazioni relative agli importi e alle operazioni commerciali avvenute tra le imprese ed i rispettivi clienti e/o fornitori. All’esito dell’attività ispettiva è scattata la denuncia alla Procura della Repubblica di Rieti nei confronti del legale rappresentante, per i reati di omessa presentazione ed occultamento o distruzione di documenti contabili. Sempre in questo periodo vacanziero sta inoltre proseguendo l’attività delle fiamme gialle reatine a tutela dell’economia in genere e dei consumatori in particolare.

Numerosi sono i controlli posti in essere nei confronti di venditori sia ambulanti che in luoghi stabili. In alcuni casi i finanzieri hanno riscontrato violazioni alle normative sul commercio, sulla contraffazione marchi e sulla tutela del “Made in Italy”, ponendo sotto sequestro circa duecento articoli fra capi di abbigliamento e materiale elettrico considerato pericoloso. La costante attenzione che la Guardia di Finanza pone a contrasto della commercializzazione dei prodotti contraffatti e non sicuri, oltre ad essere rivolta alla tutela del molto spesso ignaro acquirente,  tende a debellare la produzione sommersa che, nell’alimentare il mercato del falso, favorisce parallelamente la diffusione di altri gravi illeciti di natura amministrativa e penale, quali il lavoro nero e irregolare, l’immigrazione clandestina, il riciclaggio, l’evasione fiscale e contributiva, il commercio abusivo e le ingerenze della criminalità organizzata.

Informazioni su Emanuele Bompadre 9549 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.