9 dicembre 2016

Apoteosi per ScheggiAcustica e Rad Trads nel gran finale al Castello

Guardare sempre al futuro, possibilmente sorprendendo, è la peculiarità di ScheggiAcustica. Il festival dei Luoghi da Ascoltare fra Umbria e Marche mette le basi per l’edizione 2017, della quale già si parlava nella serata conclusiva della settima edizione, andata in archivio mercoledì con un finale da apoteosi al Castello della Porta di Frontone insieme alla band The Rad Trads. I sei ragazzi di New York, in tour mondiale, con il loro contaminato ed energico rock’n’roll/soul hanno fatto “tremare” le mura del maestoso Castello e interpretato al meglio la “mission” del festival, che ancora una volta ha trascinato un pubblico entusiasta fino a una “calda” simbiosi con gli stessi musicisti e l’ennesimo “palco” d’eccellenza. Tra artisti straordinari e magnifici Luoghi da Ascoltare umbri nel Parco del Monte Cucco a Scheggia e Pascelupo e marchigiani a Cagli, Cantiano, Sassoferrato e Frontone, ScheggiAcustica ha dato appuntamento al 2017 implementando ulteriormente il valore artistico, sociale e culturale di un festival sempre più unico. Anche nella serata precedente, con il Jesus Christ Superstar reinterpretato dal chitarrista milanese Valerio Scrignoli e impreziosito da fuori-programma e special guest, nella Chiesa di San Francesco a Sassoferrato l’entusiasmo di pubblico e territori ha consolidato l’ampio consenso creato dalla rassegna, che già aveva saputo trascinare e coinvolgere con Arsene Duevi, Roberta Carrieri e Roberto Zanisi, oltre che con master class ed eventi collaterali.

“Vogliamo che il connubio con ScheggiAcustica duri a lungo – ha sottolineato il sindaco di Frontone Francesco Passetti prima del gran finale con i Rad Trads – e, anzi, che si rinsaldi con ancora più concerti ed eventi nel territorio.” Parole del tutto simili a quelle pronunciate da altri rappresentanti dei Comuni e delle realtà coinvolte, mentre l’ideatore e organizzatore Mattia Pittella dell’associazione Tuttisuoni ha sottolineato la “fondamentale partnership con Musicamorfosi, sodalizio che anche attraverso tanto volontariato è un’altra profonda anima che si fonde con quella di tutti i partecipanti a ScheggiAcustica; stasera qui al Castello si è ripetuto quanto di positivo fatto e vissuto insieme finora; davvero ringrazio tutto lo staff, i partner di questa appassionante edizione 2016, gli artisti e un pubblico sempre più fedele e che cercheremo di non deludere mai a partire da subito, perché abbiamo in cantiere un 2017 da scoprire ancora insieme”.

ScheggiAcustica 2016 nasce dalla partnership tra Tuttisuoni e Musicamorfosi in collaborazione con Fondazione Cassa di Risparmio e Camera di Commercio di Perugia e i Comuni di Scheggia e Pascelupo, Cagli, Cantiano, Sassoferrato e Frontone e delle rispettive realtà locali, riuscendo a proporre concerti di altissima qualità, master class e appuntamenti anche nati “spontaneamente” durante gli eventi, con l’obiettivo principale di promuovere e vivere luoghi e territori unendo arte e musica allo stare insieme. I Luoghi da Ascoltare sono scelti con cura anche in base alla rispettiva “portata” acustica, spesso eccezionale. Il “tour” di ScheggiAcustica 2016 è partito il 6 agosto dalla Chiesa di San Francesco a Cagli ed è terminato nel Castello di Frontone dopo aver toccato la Badia di Sitria e l’Abbazia di Sant’Emiliano a Scheggia e Pascelupo e due new-entry come la Piazza Garibaldi a Cantiano e la Chiesa di San Francesco a Sassoferrato, passando così per tre province confinanti: Perugia, Pesaro-Urbino e Ancona.