Portuense, truffa dello specchietto: arresto un ragazzo mentre tenta l’inganno ad un anziano

La scorsa sera, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma hanno arrestato un ragazzo 20enne di origini sinti, perché a bordo di uno scooter rubato ha simulato un sinistro stradale ai danni di un anziano automobilista romano e lo ha costretto a pagare una somma di denaro.

Il 20enne era bordo di un Honda Sh in via Bernardo Ramazzini quando, al sopraggiungere di un’auto condotta dalla vittima designata, un 78enne di Roma, alla guida di una Fiat Panda, lo ha inseguito effettuando pericolose manovre, urtando lievemente la carrozzeria dell’auto, costringendolo  fermarsi e mettendo in scena la nota “truffa dello specchietto”.

Il 78enne è uscito dall’auto e il truffatore lo ha indotto a pagare una somma di denaro, come risarcimento per un fantomatico danno subito dal suo motociclo.

L’anziano che lo stava liquidando con quanto aveva in tasca è stato notato dalla pattuglia dei Carabinieri in transito che è immediatamente intervenuta.

Alla vista dei militari, il 20enne si è dato alla fuga ma dopo un breve inseguimento è stato bloccato. Dagli accertamenti effettuati in banca dati, il motociclo è risultato rubato il 2 agosto scorso.

L’arrestato, che non è nuovo a questo tipo di reati, è stato accompagnato presso la sua abitazione in attesa del rito direttissimo. Dovrà rispondere di truffa, violenza privata, danneggiamento e ricettazione per lo scooter rubato.

Informazioni su Emanuele Bompadre 9352 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.