2 dicembre 2016

Marquez: “Una pista che mi ricorda Austin”

Marc Marquez guida la classifica generale del Campionato del Mondo MotoGP™ con 170 e un consistente vantaggio sugli avversari. È tempo di Austria e il prossimo GP si svolgerà su una pista che torna nel calendario dopo diciotto anni. Il Red Bull Ring rappresenta la novità per tutti, anche per il numero 93 HRC che però è in uno stato di forma eccezionale e ha dimostrato di avere qualche cosa in più rispetto ai vicini portacolori Yamaha. Marquez non ha partecipato ai recenti test di fine luglio sulla pista della Stiria ma qualche mese prima è stato impegnato a Spielberg in un evento promozionale girando in pista non in sella alla moto da gara ma ad una replica dedicata ai clienti. Un primo, minimo e utile contatto con una delle piste più veloci del calendario.

Marc Marquez: “Le vacanze sono andate bene perché abbiamo iniziato la pausa estiva convinti che il lavoro svolto nella prima parte di stagione è stato importante e produttivo. Ho avuto un po’ di tempo libero con riposo e relax. Ma adesso è tempo di pensare all’inizio della seconda parte di 2016 che sarà impegnativa; per questo durante le vacanze mi sono allenato in bicicletta e con il supermotard. Non vedo l’ora di tornare a correre. Ho avuto la possibilità di girare due volte sulla pista austriaca anche se con una moto diversa dalla mia ufficiale e naturalmente senza la possibilità di spingere come in sella ad un prototipo della massima serie. È un tracciato molto divertente, alcuni tratti iniziali mi ricordano Austin con staccate molto nette e repentini cambi di direzione mentre la seconda parte è la più veloce di tutto il campionato. Il circuito è nuovo e bisogna essere in grado di adattarsi il più rapidamente possibile per essere competitivi. Potrò anche godere anche dell’affetto del mio fan club che per l’occasine ospiterà molti miei tifosi austriaci”.

Fonte: motogp.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5914 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.