4 dicembre 2016

Inter: la conferenza stampa di De Boer

AMSTERDAM, NETHERLANDS - AUGUST 12: Netherlands coach Frank de Boer looks on prior to the International Friendly between Netherlands and England at the Amsterdam Arena on August 12, 2009 in Amsterdam, Netherlands. (Photo by Phil Cole/Getty Images)

Introdotto da Robert Faulkner e presentato da Michael Bolingbroke, il nuovo allenatore dei nerazzurri Frank de Boer ha parlato per la prima volta ai giornalisti in conferenza stampa al centro sportivo “Angelo Moratti” di Appiano Gentile.

“Prima di tutto desidero ringraziare l’Inter per avermi scelto come allenatore in un club con una così grande tradizione. Ho parlato con tutti ed è molto importante che tutti vogliano riportare il Club nel posto dove dovrebbe essere. Sono emozionato ma ho voglia di cominciare, conoscere i giocatori e le persone che vi lavorano. Due settimane è un tempo molto breve ma dobbiamo essere pronti”.

Il campionato inizierà, come detto, tra due settimane: “Non è la situazione ideale, ma abbiamo una squadra di grande esperienza e grande talento. Grazie alle nostre idee potremmo essere pronti in breve tempo, abbiamo la nostra filosofia, la squadra deve crederci. Sono convinto che saremo pronti ed essere sulla strada giusta il più in fretta possibile. Con l’Inter abbiamo parlato due settimane fa semplicemente per capire se ci potesse essere una linea comune. Tutto si è messo in moto, mi sono sentito onorato dell’interessamento”.

Sulla filosofia di gioco e la prima esperienza al di fuori del campionato olandese come allenatore: “La Serie A TIM è cresciuta molto negli ultimi anni, tecnicamente. Se si guarda a come giocano oggi le squadre, anche i sistemi di gioco si sono sviluppati molto. Ho allenato molti giocatori giovani ma sono convinto che allenare giocatori di esperienza a volte può essere più facile. L’Inter è famosa per il suo settore giovanile, parte del mio lavoro sarà guardare alle giovanili e per me sarebbe fantastico dare occasioni a giovani giocatori, dato che la società investe molto su di loro. Ho analizzato la rosa molto attentamente, Banega può essere ovviamente un playmaker. Io voglio che tutti restino, al momento, e in un paio di settimane vedremo cose si svilupperà la situazione. Un conto è vedere da fuori i giocatori, in video, un altro allenarli e vederli al lavoro ogni giorno dall’interno, a volte possono sorprenderti”.

“Non vogliamo vendere i giocatori chiave, Icardi lo è, lo ha dimostrato negli ultimi due campionati e per me è un giocatore importantissimo. Mauro è giovane, può imparare ancora ma lavoreremo insieme molto bene, non ci saranno problemi. Il modulo? È necessario adattarsi molto rapidamente, dovremo giocare con diversi moduli, la cosa più importante è che tutti credano in quello che facciamo, soprattutto i giocatori. Con questa squadra, che ha grande esperienza, mi aspetto che si adattino più rapidamente. In due settimane non è facile, ma dobbiamo essere pronti il prima possibile. Bisogna avere pazienza ma ho fiducia che questo gruppo possa imparare in fretta”.

“Conosco l’Italia, ha una cultura diversa da altri posti in cui ho giocato, ma si gioca comunque in 11 contro 11, siamo professionisti e quello che dobbiamo fare è vincere le partite. In squadra abbiamo giocatori di diverse nazionalità ma sono tutti professionisti e ci capiremo subito”.

“Il pubblico è volubile, sono abituato alle pressioni di grandi club. Mi rendo contro che i tifosi hanno grandi aspettative, i risultati sono la cosa più importante ma con la nostra filosofia speriamo di giocare anche un bel calcio, mettere insieme le due cose sarebbe il massimo per i tifosi”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5930 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.