9 dicembre 2016

Accreditamento istituzionale delle strutture sanitarie

 

L’accreditamento istituzionale consiste nell’autorizzazione concessa da parte della Regione di riferimento a un ente che eroga servizi di natura medico-sanitaria ad operare per conto del Servizio Sanitario Nazionale (SSN).

L’accreditamento è un riconoscimento obbligatorio richiesto alle società del comparto perché esse possano offrire i propri servizi all’interno del servizio sanitario pubblico e ha valenza di “certificato d’eccellenza”; la Regione, in pratica, attraverso l’accreditamento, riconosce lo standard più alto di qualità all’azienda insignita dell’accreditamento.

Accreditamento, diritti e responsabilità

L’accreditamento è obbligatorio per le strutture pubbliche, come le ASL e le aziende ospedaliere ed assume carattere facoltativo per gli enti privati che erogano servizi sanitari; questi ultimi, tuttavia, se privi del relativo attestato non possono agire sul territorio attraverso convenzioni con gli enti pubblici.

D’altra parte, l’accreditamento istituzionale in sé non è sufficiente ad assicurare all’azienda il diritto di operare in convenzione con il servizio pubblico; perché ciò sia consentito, è necessario stilare un documento d’accordo che ne specifichi tempistiche, modalità, quantità di servizi erogati e copertura finanziaria.

Come ottenere l’accreditamento istituzionale

L’ente incaricato di valutare, ed eventualmente rilasciare, l’accreditamento istituzionale è Giunta Regionale. L’ente pubblico o privato che si rivolge alla Giunta Regionale per l’ottenimento dell’attestazione deve possedere i requisiti specificati nel Regolamento applicativo di cui Reg. 61/R del 28/12/2010 e, in aggiunta, i servizi erogabili dalla società devono essere compatibili con le esigenze della programmazione regionale espressi dal Piano Sanitario e Sociale Integrato.

Le aziende sanitarie che puntano all’ottenimento del relativo attestato, di solito, si avvalgono dell’assistenza di aziende del settore che forniscono il servizio di consulenza aziende sanitarie. Queste ultime si occupano dell’intera gestione della pratica, sia dal punto di vista della documentazione e sia nella valutazione, ed eventualmente nell’efficientamento, degli standard tecnici e professionali necessari al raggiungimento dei relativi standard richiesti per il conseguimento del titolo.

La Giunta Regionale, ricevute tutte le relative documentazioni e valutate positivamente le credenziali dell’impresa sanitaria, rilascia la certificazione entro 30 giorni dalla data di trasmissione delle documentazioni.