9 dicembre 2016

Nettuno, Deposito scorie radioattive, Movimento Città Futura: “Noi vigileremo!”

Il Ministro dell’ambiente Gian Luca Galletti ha comunicato nel corso del question time alla Camera dello scorso 3 agosto la conclusione dell’iter per la localizzazione del deposito nazionale di scorie nucleari.
I Ministeri dell’Ambiente e dello Sviluppo Economico stanno già preparando il nulla-osta che ne autorizzerà la gestione.
Seguirà la fase di dialogo con le Regioni, i Comuni e i cittadini, volta a individuare le aree migliori per la realizzazione del deposito.
“Già da due anni il Movimento Civico Città Futura ha in corso un contenzioso presso il Capo dello Stato, autofinanziato, tendente all’opposizione e revoca della autorizzazione temporanea concessa per la Centrale di Borgo Sabotino per errata valutazione dei requisiti minimi di sicurezza – ha dichiarato Danilo Conversi, presidente del Movimento – chiediamo che le Amministrazioni Comunali di Latina, Anzio e Nettuno pongano una particolare attenzione alla tematica ambientale “de qua” creando anche apposita commissione ad hoc nonché apposita conferenza dei sindaci per individuare linee comuni di salvaguardia e tutela del territorio e dei cittadini.”
“Si ricorda che il nostro territorio è già gravemente compromesso dalle servitù militari, dalle discariche, dalle biogas e altre forme di inquinamento silenti quali la qualità delle acque potabili – continua Giulio Verdolino, portavoce del Movimento – chiediamo al Consigliere Regionale Fabrizio Santori di interpellare i sindaci al fine di conoscere quali sono le azioni individuali e collettive che intendono adottare anche di comunione con gli enti Regionali preposti. Una cosa è sicura: noi vigileremo!”