4 dicembre 2016

Moto Guzzi V9 Roamer: il nostro test

Una Moto Guzzi va oltre una semplice due ruote; è un oggetto movente che fa battere forte il cuore ed emoziona. L’aquila sul serbatoio da sempre è sinonimo di passione ed anche la V9 Roamer risponde a questa filosofia. Grazie alla Dotoli, concessionaria ufficiale di Napoli, abbiamo avuto modo di saggiare il suo carattere ed il suo fascino.

13977803_10208185214081303_251851360_oIl manubrio alto e rialzato e l’impronta turistica richiamano allo spirito custom. Al centro della scena è il bicilindrico a V di 90° da 850 cc raffreddato ad aria e olio: 55 cv a 6.250 giri e 62 Nm a 3.000 giri sono i numeri del suo carattere. Conforme alla normativa antinquinamento Euro 4, è stato profondamente rinnovato dal basamento alle teste. A trasformare la potenza in movimento c’è un nuovo albero cardanico a doppio giunto disassato mentre le marce sono 6.

Il telaio è a doppia culla in acciaio, con una forcella di tipo tradizionale da 40 mm di diametro. Al posteriore ci sono due ammortizzatori regolabili nel precarico. L’impianto frenante offre tre dischi da 320 mm all’anteriore e 260 mm al posteriore. Il motore si distingue per la dolcezza e la linearità dell’erogazione. Sempre pronto, mai zoppicante, il bicilindrico spinge che è un piacere.

Il caos del traffico cittadino, grazie anche ad una ciclistica alquanto agile, non è un ostacolo insormontabile e fastidioso; le asperità vengono assorbite senza duri colpi per braccia e schiena ed in caso di frenata d’emergenza il comportamento della V9 rimane sempre neutro. La sesta marcia lunga permette di mantenere la velocità limite codice tranquillamente, con l’esposizione al vento sopportabile.

13931672_10208185211881248_175396057_oNei tratti tutte curve, come quelli della costiera sorrentina, è possibile fare affidamento su un buon inserimento e ad una ottima tenuta. Ricordiamo che sono presenti sia il controllo di trazione (disinseribile e su 2 livelli) sia l’ABS. L’unico neo è dato dalla lunghezza della sella, che può risultare non molto comoda per il passeggero. Il vasto catalogo di accessori della casa madre, consente di renderla ancora più affascinante.

Insomma la V9 Roamer è un’ottima moto, valida sia come compagna quotidiana sia come mezzo per divertirsi nei fine settimana.

Chi vuol scoprire di persona il suo carattere, può farlo recandosi presso la sede di Agnano alla Via Pisciarelli n° 69 della Dotoli ed effettuare un test ride. Scommettiamo che saprà stupirvi come ha fatto con noi….

[fbvideo link=”https://www.facebook.com/iltabloidtv/videos/1557258087916741/” width=”765″ height=”450″ onlyvideo=”1″]

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5941 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.