5 dicembre 2016

Regione Lazio, Bilancio, Santori-Righini: “Solito specchio per allodole, permangono disoccupazione e pressione fiscale”

“Il cosiddetto collegato di bilancio o fintamente rinominato Disposizioni per la semplificazione, la competitività e lo sviluppo della Regione, è il solito specchio per le allodole proposto dalla giunta Zingaretti che non porterà ad alcun miglioramento della vita dei cittadini e delle imprese e che anzi va a penalizzare i tanti comuni del territorio. Zero Sviluppo, Zero Competitività, Zero Semplificazione. E’ solo un’accozzaglia di misere norme che dimentica i reali problemi dei cittadini che continueranno a subire la disoccupazione dilagante, la mancanza di opportunità e la tassazione più alta d’Italia” lo dichiarano in una nota Fabrizio Santori e Giancarlo Righini, consiglieri regionale del Lazio di Fratelli d’Italia in merito all’approvazione della proposta di legge n. 338 in corso in Consiglio regionale.
“Non è accettabile parlare di competitività e di sviluppo con uno stanziamento totale pari a 38 milioni di euro, un’inezia rispetto ai 40 miliardi di euro di spese generali orientativamente previste nel bilancio complessivo della Regione per l’anno 2016. Peraltro la maggior parte dello stanziamento previsto dal collegato, quasi l’85%, è impegnato sui pagamenti già previsti nei confronti dei comuni per mantenere sui territori le RSA residenze sanitarie assistenziali. Si tratta dell’ennesima occasione persa per dare un segnale di cambiamento e per tentare di abbassare la pressione fiscale che sta uccidendo imprese e cittadini laziali continuamente tartassati senza che in cambio abbiano servizi decenti nella sanità, sui trasporti e sui rifiuti. Nella speranza che il provvedimento possa migliorare nel corso dei lavori ad oggi registriamo l’ennesima delusione nei confronti di chi aveva immaginato una rivoluzione ma che invece è costretto a fare i conti con l’ennesima ridicola propaganda” concludono Santori e Righini.