7 dicembre 2016

Scuola, Prc: “Giannini si dimetta: no ai trasferimenti coatti”

“Come previsto e ampiamente denunciato dal vasto e composto movimento che ha criticato alle radici la Mala scuola di Renzi-Giannini durante il blitz parlamentare che la ha imposta con il voto di fiducia e ne ha proposto la abrogazione tramite referendum delle parti dirimenti, ora, nella fase attuativa della mobilità interprovinciale di docenti e personale ausiliario e di segreteria diventa ancora più evidente la natura perversa di questa controriforma: un algoritmo che non rispetta procedure di trasferimento concordate e consolidate e di fatto “deporta ” migliaia di uomini e di donne docenti da un capo all’altro della penisola ;avevano promesso la fine del precariato, ora precari diventano anche i docenti entrati in ruolo con la Mala Scuola. Sedi precarie e lontane,stipendi bassi e bloccati, tutti obbligati a fare domanda pena il depennamento. Nessuna continuità didattica per le classi. Il problema non è l’algoritmo ma questa controriforma che aziendalizza la scuola e la formazione,ne precarizza il lavoro bloccando la funzione che la Costituzione attribuisce alla scuola statale : rimuovere la disuguaglianza (art. 3 )e formare uomini e donne liberi e coscienti. Renzi, Giannini e Faraone vanno fermati:incompetenti, cinici e raccontafrottole. Siamo solidali con i docenti e i lavoratori della scuola che protestano e appoggeremo tutte le iniziative di lotta e sul piano giuridico per fermare questo scempio, per bloccare la chiamata diretta dei presidi, per far rifare le procedure di mobilità che non ledano la dignità dei lavoratori e delle lavoratrici della scuola, che la fanno ancora funzionare come scuola della Repubblica, malgrado Renzi e il suo governo. Dopo un simile disastro che mette in forse l’avvio del prossimo anno scolastico è ora che Giannini si dimetta”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5976 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.