7 dicembre 2016

Fiumicino, lavoratori Ex Simav: presentata una nuova interrogazione parlamentare

È stata presentata una nuova interrogazione parlamentare, siamo alla terza, ma nonostante tutto i ministri oggetto delle interrogazioni non hanno ancora risposto,come è possibile? forse non si trovano le parole? o non ci sono le parole per spiegare quella che ormai appare una chiara truffa ai danni dello Stato e dei lavoratori coinvolti…..

In questa interrogazione con dovizia di particolari e di riferimenti normativi esce fuori che Aeroporti di Roma probabilmente ha ceduto un ramo che faceva parte a tutti gli effetti della concessione dallo Stato per la gestione degli scali Romani.

Cosa ancora piu’ assurda è che AdR pretenda un affitto sul ramo ceduto…(ci ricorda la fontana di Trevi venduta dal mitico Totò….solo che questo non è un film….) e che questo ramo sia stato affidato senza gara pubblica ad un soggetto, la Simav, che non aveva i requisiti.

Inoltre come è stato possibile avallare la cessione dei servizi di pronto intervento pista,neve/ghiaccio e crash aeromobile quando per legge DEVONO essere parte integrante delle attività svolte dal gestore aeroportuale?

Chi ha fatto finta di dormire o si è girato dall’altra parte? Come si è potuto ricattare i lavoratori minacciando, e poi mettendo in pratica, un taglio di 400/500 euro al mese se non si firmava il licenziamento beffa con Adr e il passaggio in Simav? (ricordiamo che i rappresentanti sindacali non sono stati ceduti….chissà perchè….), stiamo parlando di chi gestisce il maggiore aeroporto Italiano (anche per investimenti pubblici) o di qualche caporale che opera nei terreni agricoli specialmente nel sud Italia?

Come può il Governo Italiano, e il Ministro Delrio fidarsi di questi dirigenti pieni di conflitti di interessi e che a tutto pensano meno che a gestire gli aeroporti Romani?…. intanto nonostante le (false) rassicurazioni di AdR ed Enac il cantiere della nuova aerostazione molto probabilmente non verrà consegnato entro il 31 dicembre…a meno che (come si vocifera) non si voglia fare un collaudo all’ acqua di rose invece di quello che servirebbe (circa 20-30 giorni).

L’ interrogazione si conclude chiedendo al Ministro se non sia il caso di imporre ad AdR il reintegro dei servizi illecitamente ceduti prima che lo faccia la magistratura con le inevitabili conseguenze di caos e di immagine.

RSU SIMAV