3 dicembre 2016

Ardea, parte assistenza sanitaria comunale, Iotti: “Così rafforziamo offerta estiva”

Sul litorale di Ardea viene potenziata l’offerta sanitaria. E’ questa l’iniziativa promossa dall’Assessorato alle Politiche Sociali grazie a un servizio di assistenza istituito sul lungomare degli ardeatini in corrispondenza di via Cagliari. Fino a settembre, dalle 9 alle 19, un’ambulanza con medico a bordo e personale specializzato stazionerà sul posto e potrà effettuare prestazioni ambulatoriali anche su chiamata su tutto il territorio comunale (al numero telefonico 338.2081291). “Questo servizio – ha spiegato l’assessore alle Politiche sociali del Comune, Riccardo Iotti – vuole andare incontro a tutti i villeggianti e ai cittadini che hanno necessità di piccole prestazioni sanitarie soprattutto in spiaggia o nelle sue vicinanze. Non è un servizio che si sostituisce al 118, ma che anzi completa già la rete sanitaria presente, composta dai servizi dell’Ares, dai medici di medicina generale e dalla guardia medica. L’obiettivo è anche quello di togliere persone dalle file del pronto soccorso per i codici bianchi, cioè per quelle prestazioni ambulatoriali per le quali si possono evitare viaggi in ospedale. Nell’ambito delle politiche sociali questo servizio sanitario estivo può essere una utile proposta da realizzare ogni anno. E’ cosa sulla quale crediamo e per la quale, penso, anche la prossima amministrazione debba riflettere. Da ormai qualche anno abbiamo la seconda ambulanza estiva a Rio Verde che si aggiunge al presidio di via dei Tassi con la piazzola di atterraggio per l’eliambulanza. Con un terzo presidio sanitario a Marina di Ardea rafforziamo ancor di più le richieste di soccorso sanitario”. “Sono estremamente convinto come una sanità efficiente nasca grazie a una rete che possa coinvolgere più attori – ha aggiunto – ecco perché anche con la prossima apertura del poliambulatorio di via dei Tassi credo che si possa ragionare con la Asl Roma 6 per fare in modo che le politiche a servizio della città possano essere il frutto di una profonda ‘messa a sistema’”.