5 dicembre 2016

Perché conservare le staminali cordonali?

Un argomento riguardante la gravidanza e la medicina in generale, la cui popolarità sta crescendo repentinamente negli ultimi anni, è quello della conservazione e donazione del cordone ombelicale. Nonostante l’importanza di tale argomento, può essere difficile trovare informazioni precise, chiare e complete.

Facciamo chiarezza. Al momento del parto è possibile raccogliere le cellule staminali contenute nel sangue presente all’interno del cordone ombelicale. Attualmente, in Italia, la famiglia può decidere di conservare privatamente il campione di sangue oppure procedere con la donazione del cordone ombelicale a banche pubbliche.

In Italia hanno sede 19 banche pubbliche per la conservazione del sangue cordonale – che rappresentano il 10% delle banche mondiali. Ciò ha notevoli costi e il sistema di raccolta dei campioni per la loro conservazione in banche pubbliche ha alcuni limiti. Infatti, solamente 8 banche pubbliche in un anno hanno raccolto più di 1.200 campioni. Le biobanche per la conservazione delle cellule staminali del cordone ombelicale devono rispettare standard qualitativi attestati da certificazioni internazionali. Molte banche pubbliche in Italia non sono certificate GMP (Good Manufacturing Practice), ossia l’attestato che garantisce la massima qualità per i prodotti destinati a terapie cellulari. Inoltre i campioni vengono raccoltisolo in giorni ed orari specifici, rendendo difficile il prelievo del cordone in alcune situazioni.

Attualmente, il maggior problema riguardante la raccolta delle cellule staminali cordonali, riguarda però lo spreco: sfortunatamente, in Italia, circa il 95% dei campioni di sangue del cordone non sono raccolti e conservati ma buttati come rifiuto, generando così un grande spreco di risorse potenzialmente terapeutiche.

Le grandi potenzialità delle cellule staminali nel trattamento di numerose malattie sono riconosciute dal Ministero della Salute, che tramite il decreto legislativo del 18 novembre 2009 ha elencato oltre ottanta patologie trattabili con il trapianto di staminali.

Fornire un’informazione completa sulle potenzialità delle cellule staminali e sulla possibilità di mettere al sicuro questo prezioso patrimonio biologico sia attraverso la conservazione privata sia tramite donazione, è quindi importante per permettere alle famiglie di effettuare una scelta informata.

Per approfondimenti visita il sito www.sorgente.com

Fonti:

– ADUC

– Broxmeyer HE: Cord blood hematopoietic stem cell transplantation In StemBook Community TSCR, Ed., May 26, 2010

– Broxmeyer, H. E., M. R. Lee, et al. “Hematopoietic stem/progenitor cells, generation of induced pluripotent stem cells, and isolation of endothelial progenitors from 21- to 23.5-year cryopreserved cord blood.” Blood 117(18): 4773-7

A cura di: Ufficio Stampa Sorgente