4 dicembre 2016

Istituto Nazionale di Genetica Molecoare, i risultati raggiunti e le nuove sfide

 

L’Istituto Nazionale di Genetica Molecolare (INGM), costituito dallo Stato italiano come Fondazione privata senza scopo di lucro, è il centro di riferimento nazionale sulla genetica molecolare e su le metodologie di rilevazione e diagnosi (Legge n. 138 del 26/05/2004).

L’attività di ricerca di INGM – i cui soci fondatori sono il Ministero della Salute, la Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico di Milano, la Regione Lombardia – ha avuto inizio nel 2007 all’interno del campus dello storico Ospedale Maggiore Policlinico di Milano.

L’istituto è oggi, a livello nazionale e internazionale, un polo di eccellenza della ricerca biomedica. Tale riconoscimento è stato ottenuto grazie ai risultati scientifici, conseguiti nell’ambito della comprensione dei meccanismi di regolazione dell’espressione genica, che hanno portato a importanti sviluppi applicativi, con conseguente presentazione di diverse domande di brevetto.

In questi anni, proprio per il ruolo di grande importanza che ricopre, la Fondazione ha avuto una notevole crescita.

A tal proposito, Gianfranco Scalabrini, nominato presidente INGM il 28 febbraio 2016, con mandato di 5 anni, sostiene “quando mi è stata proposta  l’opportunità di presiedere la Fondazione ne ho immediatamente percepito il valore; approfondendo, mi sono accorto di quanto questi professionisti facciano quotidianamente cose straordinarie, mirate al miglioramento della vita di tutti noi.”

L’obiettivo primario di Scalabrini è quello di “rendere più visibile tutto ciò ai non addetti ai lavori, cercando di stimolare la voglia di contribuire a questa missione in ciascuno di noi. Sono certo che, venendo a conoscenza di quello che INGM fa concretamente nella ricerca contro il cancro e contro le malattie immunomediate, ognuno ne resterà colpito, come è successo a me entrando in questo mondo.”.

La crescita della Fondazione proviene anche dall’attuazione delle logiche di responsabilità sociale d’impresa. Secondo il Presidente, infatti “la CSR (Corporate Social Responsibility) è parte integrante dei piani di business delle aziende e INGM può rappresentare per i grandi gruppi italiani il veicolo attraverso cui contribuire alla salute e al miglioramento delle condizioni di vita della comunità. Spero, anzi ne sono convinto, di poter portare un contributo a tutto ciò affiancando le mie competenze manageriali, sviluppate in decenni di supporto alle aziende, alla estesa competenza scientifica presente nella Fondazione.

Mi piace convincermi e convincere che con lo sforzo di tutti presto non ci saranno più nemici invincibili, come le malattie.”