4 dicembre 2016

Parola di Andrea Barzagli

Pjanic, Dani Alves, Benatia, Pjaca, Higuain, tutti in rigoroso ordine di arrivo: sono i nuovi compagni che Andrea Barzagli ha trovato tornando al lavoro a Vinovo. “Sono arrivati giocatori importanti che hanno alzato il livello tecnico – sottolinea il difensore ai microfoni di Sky Sport – ma sarà solo il campo a dire se effettivamente questa è la Juve più forte degli ultimi anni. Lo speriamo e stiamo lavorando per diventarlo”.

“Noi come sempre ripartiamo per vincere in Italia, sognare in Europa e arrivare più avanti dell’anno scorso – continua Andrea – La Champions è un torneo a parte, non facile, in cui ci sono altre tre o quattro squadre di grande caratura. Per me sono gli ultimi due anni per poter conquistare un trofeo simile, il massimo per un calciatore e un club. Sappiamo che il cammino è difficile che dovremo arrivare nella seconda parte della stagione sin buona condizione e che dipenderà da molti aspetti: gli infortuni, un po’ di fortuna… In questi anni siamo cresciuti molto e speriamo di fare un altro passo in avanti”.

La difesa punto di forza dei bianconeri già nelle passate stagioni, si è ulteriormente rinforzata con gli arrivi di Dani Alves e Benatia e potrebbe essere l’arma in più: “In Europa ci sono diverse squadre con ottimi difensori. Noi con l’arrivo di Dani e Benatia abbiamo fatto un ottimo salto in avanti. Hanno voglia, esperienza, Dani Alves ha vinto quasi tutto… Possono darci molta qualità in più. Higuain? Sarà un valore aggiunto per l’intera stagione e per tutti gli obiettivi da raggiungere. È un grande attaccante, lo ha dimostrato e speriamo che ci porti gol in tutte le competizioni”.

Infine un pensiero alla Nazionale, che Barzagli aveva lasciato in lacrime, dopo la delusione per l’eliminazione dall’Europeo e che ora potrebbe riabbracciare. Ieri, a Vinovo, ha avuto l’opportunità di conoscere il nuovo c.t. Giampiero Ventura e “le sensazioni sono positive, è stato un colloquio interessante anche con gli altri ragazzi. Mi ha sempre incuriosito come allenatore, per la sua preparazione e la sua conoscenza del calcio. In questo mese la voglia mi è tornata e se continuo a stare bene fisicamente non vedo perché non potrei continuare. Non decido io ovviamente – conclude il difensore – ma l’allenatore, ma se dovessi fare questo tipo di scelta sarebbe anche merito suo. Se mi convocasse? Penso che la risposta sarebbe positiva”.

 

www.juventus.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5930 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.