10 dicembre 2016

Kaspersky Lab lancia il programma Bug Bounty insieme a HackerOne

In occasione della conferenza Black Hat USA 2016, Kaspersky Lab annuncia il lancio del Kaspersky Lab Bug Bounty Program insieme a HackerOne, uno dei principali fornitori di piattaforme di bug bounty. Con questo programma, Kaspersky Lab non solo rafforzerà la propria strategia di riduzione delle vulnerabilità a livello di software, ma continuerà anche a migliorare la propria relazione con i ricercatori di sicurezza esterni.

L’attuale panorama delle minacce sta diventando sempre più complesso, obbligando le aziende di sicurezza a identificare e implementare costantemente tool efficaci per offrire il massimo livello di protezione. I programmi bug bounty sono una misura efficace e comprovata che incentiva i ricercatori esterni a trovare e svelare alle aziende, in tutta sicurezza, le vulnerabilità software. Di conseguenza, queste organizzazioni sono in grado di risolvere i problemi riportati senza mettere in pericolo gli utenti.

La prima fase del programma bug bounty di Kaspersky Lab inizierà ufficialmente il 2 agosto 2016 e durerà 6 mesi. Durante questa fase iniziale, Kaspersky Lab offrirà un totale di 50.000 dollari di ricompensa ai ricercatori di sicurezza. I partecipanti al bug bounty esamineranno i due principali prodotti per utenti finali e imprese, Kaspersky Internet Security e Kaspersky Endpoint Security. Una volta terminata la fase preliminare, l’azienda valuterà i risultati per determinare quali ulteriori prodotti e ricompense includere nella seconda fase del programma bug bounty.

“Il nostro bounty program aiuterà ad amplificare le attuali misure di mitigazione interne ed esterne per migliorare costantemente la resilienza dei nostri prodotti”, ha commentato Nikita Shvetsov, Chief Technology Officer di Kaspersky Lab. “Crediamo che sia tempo che tutte le aziende di sicurezza, grandi e piccole, lavorino più da vicino con ricercatori di sicurezza esterni accogliendo i programmi bug bounty come uno strumento efficace e necessario per aiutare a mantenere sicuri i propri prodotti e protetti gli utenti”.

“Le vulnerabilità sono inevitabili ed è dimostrato che i programmi bug bounty completano le best practice di sicurezza tradizionali con l’aiuto della variegata comunità globale degli hacker”, ha commentato Alex Rice, CTO e co-founder di HackerOne. “Non vediamo l’ora di collaborare con Kaspersky Lab per aiutarli a realizzare il programma bug bounty più competitivo e continuare a proteggere gli utenti”.

Per ulteriori informazioni sul Kaspersky Lab Bug Bounty Program, tra cui scopo, idoneità, premi, eccezioni e regole, visitare: https://hackerone.com/kaspersky