8 dicembre 2016

Import oil&gas scende a 30,4 miliardi € (-24,8%), tornando ai livelli di 11 anni fa

Le condizioni dell’economia internazionale sono caratterizzate dal calo della domanda dei paesi emergenti su cui si sovrappone la concretizzazione della Brexit, con nuove incertezze e rischi per l’economia globale. In tale contesto prosegue la discesa dei prezzi all’importazione di petrolio greggio e gas naturale che a maggio 2016 registrano un calo del 22,3% che – pur in presenza di una crescita delle quantità importate – fa calare su base del 24,8% il valore delle importazioni collocandole a 30.429 milioni di euro, ai livelli di 11 anni fa (aprile 2005) e inferiori del 55,7% rispetto al massimo di 68.641 milioni di euro di ottobre 2012.

Le turbolenze dello scenario geopolitico modificano il sistema di relazioni tra Paesi e le politiche di approvvigionamento energetico. Per esaminare questi cambiamenti abbiamo misurato le variazioni delle quote dei principali Paesi fornitori nelle importazioni di gas e petrolio negli ultimi 12 mesi (maggio 2015-aprile 2016) rispetto a quelle dell’anno 2015.

Nel dettaglio per l’UE a 28 sono in salita le quote di import dalla Russia (+0,9 punti), dall’Iraq e dal Regno Unito(entrambe con +0,3 punti); aumentano di due decimali di punto anche le quote di Norvegia e Algeria.

Per l’Italia lo switch delle forniture energetiche è più marcato: si incrementano di 1,6 punti le quote di Russia e Algeriae sale di 1,1 punti il peso dell’Iraq. All’opposto sono in calo le quote delle forniture provenienti da Libia (-1,4 punti),Azerbaijan (-1,3 punti), Qatar (-0,8 punti); scendono di 0,4 punti le quote di Nigeria e Olanda.

L’analisi di più lungo periodo ci consente di valutare la distribuzione delle forniture energetiche a fronte delle politica della Commissione europea di riduzione della dipendenza energetica dalla Russia dopo lo scoppio della crisi ucraina della primavera del 2014.  Nel 2013 – anno precedente alla crisi internazionale intorno all’Ucraina – la Russia deteneva il 26,9% dell’import di petrolio e gas dell’UE a 28 e nel 2016 (ultimi dodici mesi tra maggio 2015 e aprile 2016) è scesa al 24,1% con una riduzione di 2,7 punti. Nel dettaglio tutti i maggiori Paesi dell’Ue registrano una riduzione della quota di import dalla Russia, ad eccezione dell’Italia per cui la quota dell’import russo passa dal 24,5% del 2013 al 27,8% del 2016, complice l’instabilità della Libia che ha ridotto la relativa quota dal 12,5% del 2013 al 7,6% del 2016. Pur in presenza di tale calo, la quota dell’import dalla Libia dell’Italia è di 5,5 punti superiore al 2,1% della media Ue, evidenziando la più alta dipendenza dall’import energetico e, conseguentemente, la maggiore esposizione della nostra economia all’instabilità del Paese nordafricano.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5987 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.