8 dicembre 2016

La bici elettrica mette il turbo: vendite record nel 2016

 

La bici elettrica è il mezzo ecologico più venduto al mondo del 2016. Un dato sorprendente per molti aspetti e che trova conferme nella ricerca pubblicata dalla società Navigant Research. Secondo lo studio, nel 2016 sarebbero stati introdotti sul mercato globale circa 35 milioni di unità, per un volume d’affari da 15,7 miliardi di dollari complessivo.

Dominio cinese assoluto

La Cina è leader assoluto: lo studio rivela che il mercato della Repubblica Popolare ha contribuito, da solo, alla vendita di circa 30 milioni di esemplari, per la maggior parte muniti di batterie al piombo (considerate meno evolute di quelle agli ioni di litio). A tutto il 2014, si stima la presenza di 200 milioni di mezzi elettrici a due ruote per le strade cinesi. Sempre nel 2014, le dieci principali società del comparto del gigante asiatico assorbivano il 47% del mercato totale. Tuttavia, si prevede una contrazione delle vendite in terra cinese, dovuta sia alla saturazione dei canali di distribuzione cinesi e sia alle nuove restrizioni sull’utilizzo del mezzo varate dal governo nel corso degli ultimi mesi.

La situazione nel resto del mondo

Escludendo i dati di mercato della Cina, si stima che nel 2016 siano state introdotte sul mercato circa 3,3 milioni di bici elettriche; la crescita dovrebbe mantenersi costante nei prossimi anni e le proiezioni di settore indicano che, entro il 2025, circoleranno 6,8 milioni di esemplari a trazione elettrica, per un giro d’affari complessivo da oltre 24 miliardi di dollari.

Con il calo dei volumi in Cina, si aspettano forti impennate soprattutto in Europa Occidentale, Giappone e Vietnam, per una crescita incoraggiata sempre più convintamente dalle evoluzioni tecnologiche di categoria, dall’abbassamento dei prezzi e da una maggiore attenzione dedicata all’aspetto del design, che già oggi ha visto la nascita di mezzi eleganti nelle linee e dotati di kit di elettrificazione sempre più discreti. Il tutto, accompagnato da una crescente presa di coscienza sulle opportunità del mezzo e sulla necessità di perseguire politiche di mobilità che vadano verso la sostenibilità e il rispetto dell’ambiente.