7 dicembre 2016

Alatri, inaugurata la sala congressi dell’Ospedale San Benedetto

Un’inaugurazione che a conti fatti si rivela ricca di contenuti inattesi e importanti. Ieri al San Benedetto di Alatri, su iniziativa di Roberto Sarra, il debutto della sala congressi si trasforma in un’occasione di aggiornamento sulla sanità provinciale e sul futuro dell’ospedale cittadino, soprattutto per le parole del commissario Luigi Macchitella. Che “qualcosa sta cambiando per il San Benedetto” lo precisa nel suo saluto l’assessore regionale Mauro Buschini. Assunto confermato dalle parole di Macchitella, che rivendica i risultati di un’azione di governo che in pochi mesi ha prodotto risultati significativi. “Si è ridotto sensibilmente il numero dei pazienti parcheggiati sulle barelle nei pronti soccorso, grazie ai servizi attivati sul territorio per decongestionare gli afflussi ai presidi di emergenza. Inoltre con l’entrata a regime dei nuovi macchinari in arrivo e con le nuove assunzioni autorizzate dalla Regione – annuncia il commissario – abbatteremo le liste d’attesa. Se ancora non si vedono in servizio nuovi medici – precisa – è perché le procedure di assunzione richiedono tempi lunghi”. A chiudere i lavori è il direttore della Coldiretti del Lazio, Aldo Mattia. “A 27 anni ero segretario di zona ad Alatri e ho vissuto il passaggio dal vecchio al nuovo ospedale. Quando recentemente il comitato di difesa del San Benedetto mi ha chiesto aiuto non mi sono tirato indietro, perché gli agricoltori e le loro famiglie hanno diritto ad una sanità efficiente soprattutto quando risiedono in comuni montani o in contesti geograficamente svantaggiati. Come Coldiretti abbiamo frequenti scambi con i vertici dell’amministrazione regionale, verso i quali abbiamo agito in pressing per un dovere civico di solidarietà verso i nostri soci di Alatri, le loro famiglie e verso la comunità della mia provincia. Qualora ritenesse che la Coldiretti – ha aggiunto Mattia rivolgendosi a Macchitella – possa essere di aiuto nel sostegno alla causa della buona sanità di queste terre non esiti a chiedere, se vorrà, la nostra collaborazione”. Tutti, come anche il presidente dell’ordine provinciale dei medici Fabrizio Cristofari, hanno puntato sulla improrogabilità di una sempre più funzionale integrazione tra gli ospedali di Frosinone e Alatri per favorire la specializzazione ed evitare il mantenimento di reparti fotocopia. Il San Benedetto è destinato a consolidarsi come polo ospedaliero di punta delle prestazioni in regime di day e week-surgery. Ma cambieranno anche gli aspetti gestionali e di bilancio. “Dal 2017 dovremo affrontare nuove sfide in nome della buona sanità – ha aggiunto Macchitella – perché infatti dal prossimo anno valuteremo non più il bilancio della Asl provinciale, ma quelli singoli di ciascun presidio. Tutti gli ospedali della provincia dovranno certificare il raggiungimento di adeguati livelli di efficienza ed efficacia, in linea con gli obiettivi della produttività e ciascuno di essi dovrà chiudere i bilanci in pareggio”.

 

About Samantha Lombardi 4027 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it