3 dicembre 2016

Apologia del fascismo, Lo sportello dei diritti: “Chiudere subito la pagina Facebook Benito Mussolini”

Nel silenzio generale una pagina Facebook italiana ha raggiunto oltre 103 mila iscritti, nonostante i chiari messaggi di apologia del fascismo, che facciamo sempre bene a ricordare é sempre un reato dal ’52, e di istigazione all’odio razziale e religioso specie contro i musulmani in Italia. Ed il suo nome é altrettanto eloquente: “Benito Mussolini”.Basta solo “sfogliarla” un istante per essere immediatamente colpiti dal fatto perché nessuno abbia ancora mosso un dito, perché qui non si tratta di “mettere il bavaglio” a qualcuno che dovrebbe esercitare legittimamente il proprio pensiero o il diritto di cronaca, qui va evidenziato che con la scusa di mantenere vivo il culto di una personalità che ha portato al disastro l’Italia e all’onta delle leggi razziali, si fomentano sentimenti di odio e si getta benzina sul fuoco in un momento in cui sull’onda emotiva dei problemi connessi alle migrazioni di massa ed al terrorismo di matrice islamica, una parte della popolazione crescente si sente attratta da messaggi di tal tipo e li potrebbe tramutare in gesti concreti.Ecco perché Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, si rivolge ai gestori del social network nonché all’autorità giudiziaria per la chiusura immediata della pagina in questione.

Giovanni D’AGATA