7 dicembre 2016

STAR TREK BEYONDE: l’Enterprise è viva e lotta insieme con noi!

 

Onore delle armi.

Saga filmica in franchising (operazione di distribuzione di un marchio nell’industria cinematografica) quella di Star Trek è tra quelle, nel suo genere, più famosa e amata dal pubblico di tutto il mondo, passione di intere generazioni. Iniziata come serie televisiva nel 1966 – ideata da Gene Roddenberry – in questa versione, appena uscita Italia e negli Usa, doveva essere inizialmente girata da JJ. Abrams, poi impegnato in “Star Wars: Il risveglio della Forza”. In seguito viene stilata una “short list” e solo nel dicembre 2014 viene proclamato regista Justin Lin. Le riprese del film sono iniziate nel giugno del 2015 (tra le locations esterne vi sono Vancouver, Seul e Dubai)

Il film

Primissima sequenza con un interno monocromatico a forma di cupola, dove gli alieni buoni e integrati, discutono animatamente: l’inquadratura si stringe sull’attore che si rivolge all’agone, prima di svelare il resto della base aereospaziale. I componenti dell’equipaggio della nave interstellare Enterprise indossano i segni del proprio passato remoto filmico: le tute, le acconciature sono modernissime eppure talmente vintage! I personaggi si muovono entro l’arca di una saga che ha fatto la storia del film di fantascienza. Con il tempo la cyber tecnologia si è fatta cyber architettura virtuale, sofisticata, senza sbavature, calcolata al millesimo di secondo. Siamo ancora all’interno dell’astronave, dove, la macchina da presa, accenna un piano sequenza, in una promenade dove spicca il bianco, da sempre colore preferito delle astronavi, quando ancora erano non così fantascientifiche: “Spazio 1999” (serie tv italo-britannica ideata da Gerry e Sylvia Anderson nel 1973), “Ufo” (serie televisiva britannica ideata anch’essa da Sylvia e Gerry Anderson, nel 1969), l’ indimenticato il primo “Alien” (film diretto Ridley Scott nel 1979). Monitor “touch screen” in forma di ologrammi in 3d, appaiono ovunque: paesaggi strabilianti, mirabolanti.

Il movimento cibernetico è talmente veloce che l’occhio dello spettatore si perde nella magnifica visione degli effetti. Il racconto va da sé, incapsulato, tanto quanto gli eroi dell’Enterprise, nei velivoli aerospaziali. L’astronave va veloce ed è curiosa la vista dell’interspazio fuori dal “finestrino” come se fosse il paesaggio su di un treno ad alta velocità. Il capitano James T. Kirk (il bellissimo Chris Pine) parla della flotta stellare e spiega l’evoluzione storica della loro esistenza: chi sono stati, cosa sono, cosa saranno. Una gigantesca sfera fa le veci dell’atmosfera terreste di una città chiamata York Town (ma guarda un po’) progettata su aree semicircolari che ricordano i paralleli della sfera terrestre, isole-oasi nel deserto cosmico: le riprese danno il senso della velocità del velivolo aerospaziale, con rotazioni a trecentosessanta gradi.  Sfrecciano treni i cui antenati sono quelli di “Blade Runner” (1982, di Ridley Scott).Gli abitanti, colorati nel vestire, camminano pacifici come fossero in una strada di una qualsiasi città. Ecco Spock (Zachary Quinto), il vulcaniano dei vulcaniani! Capperi!

Uno Spock, nuovo di zecca – un po’ più grazioso dei suoi predecessori, non si offendano i puristi del genere – che si commuove guardando la foto del suo parente e di tutto l’equipaggio: il volto che si vede in quella foto è quella di Leonard  Nimony (scomparso nel 2015) attore cult dei precedenti Star Trek. Non mancano momenti ironici e di sapore nazionalistico, vedendo il personaggio Chekov (Anton Yelchin), che, invece di essere il cattivo oltre cortina, fa  addirittura parte dell’equipaggio e dà “il fritto”(?) per la patria multi-planetaria: come a dire se non combatti il nemico, assoldalo tra le tue fila (si pensi a quante volte si è paventato negli ultimi  tempi il rischio di un ritorno alla “guerra fredda “ tra Usa e Russia..). Ma non c’è spazio per il sentimentalismo, gli eventi si susseguono serratamente: bisogna sapere qualcosa di più degli alieni possibili nemici, e per farlo basta un semplice schermo portatile che opera uno screening in pochi secondi (magari esistesse nella realtà…la Sanità Pubblica ne avrebbe immenso giovamento) producendo dati su provenienza del corpo fisico, pianeta d’origine, stato degli organi, DNA… L’efficacia degli effetti e il virtuosismo dei movimenti cyber, alla fine, hanno più appeal dei dialoghi che sono semplici e vanno lisci come l’olio. Quando l’Enterprise esce in ricognizione, si scorna con il doppio Krall /Balthazar Edison (lo statuario Idris Elba) ex capitano di una precedente Enterprise, divenuto cattivissimo e padrone di uno sciame di pericolosissime api-droni che distrugge ogni forma di vita che incontra. Gli alieni dal viso di rettile scendono in campo: l’Entreprise è letteralmente spezzata in due, come il taglio di una testa in battaglia, fa impressione. Scontro a fuoco, navicelle che si sganciano come automobili in una rincorsa furibonda. Alcuni dell’equipaggio Enterprise si lanciano in capsule. Lo sciame di api-droni imperversa. Si atterra….il paesaggio sembra quello dell’Era Mesozoica: alberi altissimi, fittissima vegetazione.

Quelli dell’Enterprise catturati dai cattivi-alieni sono trascinati in un Canyon fatto di guglie di pietra aguzze. La voce di Krall è rauca e sgradevole (i denti soprattutto!) Spock e il dottor Leonard “Bones”  Mc Coy (Karl Urban) sono atterrati, ma il prode Spock è ferito e il medico lo cura con un laser, a sentir lui obsoleto (ma anche quello quanto servirebbe alla Sanità Nazionale). Nel frattempo Mongomery Scott (Simon Pegg) incontra Jaylah (Sofia Boutella) che non ha  né la faccia né il corpo da rettile, ma un bellissimo trucco in viso che sembra una maschera tribale (l’andazzo è quello di Charlize Theron in “Mad Max: Fury Road”): una guerriera dura e pura che armeggia armi, nascosta nella vecchia astronave, afflitta da un passato durissimo, ma combattiva. Krall vuole attaccare York Town, spezzare “la forza e l’unione” che invece è il motto dell’Enterprise. Ci riuscirà?.. Spettacolare il capitano bello-biondo-con-gli-occhi-azzurri certo nel suo andare all’impazzata in motocicletta (e scusate ma di nuovo si alza la polvere di “Mad Max: Fury Road”), per dare mazzate veraci ai nemici che gli arrivano a tiro. Che eroe! In Star Trek c’è odore di un tempo che non passa mai di moda e che anzi si rinnova. Odore di buono, un film gradevolissimo. Un dolce da pasticceria per tutti i gusti. Da non perdere.

Titoli di coda

Musica dei titoli di coda: “Sledgehammer “di Rihanna

Sceneggiatura Roberto Orci

Fotografia Daniel Mindel

Montaggio Mary Jo Markey, Maryann Brandon

Musiche Michael Giacchino

Produzione Bad Robot, Paramount Pictures

Distribuito in Italia da Universal Pictures Italia

Maria Chiara D'Apote
About Maria Chiara D'Apote 63 Articoli
Laureata in Lettere presso il Dipartimento di "Italianistica e Spettacolo "della Università "La Sapienza di Roma". Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell' Essere Umano. Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.