10 dicembre 2016

Fiumicino, Cargo City: emergenza nell’area destinata alle merci

In seguito alla recente emergenza incendio a cargo city a Fiumicino (a proposito i pompieri hanno perso dei minuti preziosi perché non si sapeva chi dovesse aprire un cancello che separa alcune aree di cargo city…alla fine sono riusciti a passare ma non è stato un intervento rapido come vuol far credere AdR) voglio riportarvi alcune problematiche storiche della zona merci.

Come si vede dalle foto ci sono infiltrazioni di acqua che hanno fatto crollare i controsoffitti e mai riparati. Ma la piaga più grave sono i piccioni e i topi che in gran numero occupano i magazzini defecando  letteralmente sui lavoratori, sulle aree di lavoro e sulle merci stoccate anche quelle alimentari  e la sanità aerea?

Ci si chiede come sia possibile che ciò accada e non si sia mai messa in sicurezza e bonificata la zona. Aeroporti di Roma invece di vantarsi di essere il secondo hub per gradimento dei passeggeri, e anche qui andrebbe aperta una parentesi, Fiumicino è da sempre e a ragione considerato uno dei peggiori scali d’ Europa a livello di servizi ai passeggeri, basti pensare ai tempi biblici per recuperare il bagaglio o i pullman senza aria condizionata o ancora la segnaletica nei terminal a dir poco confusionaria o al caso Vueling della scorsa estate o ai disagi degli scorsi giorni oppure alla nuova viabilità che costringe gli automobilisti che devono recuperare i propri cari di ritorno o accompagnarli alla partenza a fermarsi per attendere l’ orario nella corsia di emergenza della Roma Fiumicino o vicino al museo delle navi perché dopo 15 minuti nella ztl aeroportuale si viene multati e comunque basta aprire twitter o facebook per leggere i “complimenti” dei passeggeri in transito.

Speriamo che per Aeroporti di Roma la manutenzione generale diventi il vero valore aggiunto perché la fortuna non sempre gira dalla parte giusta e operare su terreni demaniali e in concessione dello Stato impone etica e correttezza, non si appaltare lavori di manutenzione e non a ditte che si aggiudicano la gara al 55% di ribasso.

Forse è Cantone che in “mala fede” vede conflitti di interessi dappertutto come ha dimostrato attraverso la concessione degli spazi commerciali nei terminal a società riconducibili ai soci di AdR alla faccia di chi avrebbe le carte in regola per aprire un’ attività commerciale in aeroporto ma si vede negato il permesso, oggi sappiamo perché.

Riceviamo e Pubblichiamo