5 dicembre 2016

Vacanze a Santa Maria di Leuca: cosa vedere

 

Santa Maria di Leuca è una realtà fuori dalle logiche più tradizionali di turismo: non è una località come le altre, va compresa in tutte le sue suggestioni, che si allacciano alla storia e ai paesaggi, che si perdono nel profondo sud di una terra autentica e che ha saputo conservare negli anni i propri valori e tratti caratteristici.

Cosa vedere a Leuca

Prenotare un residence Santa Maria di Leuca e, da lì, partire alla volta di una vacanza diversa. Iniziando dalle attrattive paesaggistiche e, in particolare, dal vero elemento distintivo del posto: sulla costa leucana si incontrano le correnti adriatiche e quelle dello Ionio; si accarezzano, si scontrano ma non si mescolano; il mare si divide in due, le acque assumono due colorazioni differenti e il cielo fa da sfondo al tutto.

E tutto intorno, a cingere la costa, le grotte: quelle del Diavolo, intorno a Punta Ristola; quelle di Ponente, oltre il vertice estremo di Punta Ristola; quelle di levante, che proseguono sulla stessa linea fino al fiordo del Ciolo.

Il faro e la torre

Leuca fu anche la finibus terrae dei Romani, baluardo difensivo contro gli invasori ottomani e saraceni, così nel corso di tutta la sua storia medievale, rinascimentale e fino all’età moderna. Le tracce si calcificano nel faro di Leuca che, dal 1866, emana tre raggi per oltre 40 km sul mare, scandisce l’inizio del suolo italiano e si erge a vigilare due mari.

Poi c’è la Torre dell’Omomorto, torre d’avvistamento costruita in laterizio e pietra a partire dal XVI secolo. A base tronco-conica, oggi la struttura versa in condizioni critiche ma resta tutt’oggi un simbolo, un emblema delle minacce costanti che, per millenni, hanno interessato le coste di tutto il Salento e che a Leuca assumono significati ancora più intensi.

Terra di argini e aperture

La storia di Leuca è storia di confini, protetti o invasi, violati con la forza o assecondati e rispettati per la loro importanza strategica e mercantile. La torre, il faro, le acque di due mari, tutto a Leuca parla di un luogo di frontiera, che ha saputo arricchirsi delle contaminazioni esterne, abbracciare l’altro da sé all’interno della propria identità e protetto un patrimonio sempre più ricco e unico.