8 dicembre 2016

Rai, Mincolini, FI: “Normale che la Rai sia influenzata dalla politica se l’editore è il Parlamento”

Augusto Minzolini, Senatore di Forza Italia ed ex direttore del Tg1, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Sugli stipendi dei dirigenti Rai. “Penso sia giusto pubblicare gli stipendi, soprattutto tenendo conto che il canone tv è diventato una tassa vera e propria –ha affermato Minzolini-. Data la natura particolare dell’azienda che è servizio pubblico, è giusto che ci siano caratteri di trasparenza così chiari. Il fatto che si sappia come un’azienda di questa natura venga gestita è giusto, è interesse anche della stessa Rai, che è diventata nell’immaginario collettivo una sorta di simbolo di ciò che non dovrebbe essere un’azienda pubblica. Il problema riguarda il governo perché la decisione di mettere il tetto ai dirigenti pubblici è stata di Renzi, che si è fatto bello. Se era solo una bugia nel grande calderone della demagogia, come l’abolizione delle province o del Senato, allora è un altro discorso. Il dramma di questa azienda è che è pubblica e non è pubblica, a seconda di come ci si alza la mattina. Quando vengo accusato di peculato diventa pubblica, quando si tratta di stipendi degli altri è privata. Io sono stato l’unico a presentare emendamenti per la privatizzazione della Rai, quello che è insostenibile è che questa al momento è un’azienda ibrida. Prende il canone e prende la pubblicità, bisogna decidere una volta per tutte se questa è un’azienda privata o no. Se non è privata deve rispettare tutte le normative che riguardano le aziende pubbliche. Questo è assolutamente ingiusto visto che deve risponderne davanti ai cittadini”.

In merito alla sua esperienza in Rai e il caso giudiziario che lo riguarda. “Io ho avuto un’esperienza in Rai che non vorrei ripetere –ha spiegato Minzolini-. In primo grado sono stato assolto, il giudice del lavoro mi ha dato ragione e obbliga la rai ha ridarmi i soldi. In secondo grado mi trovo giudicato da un giudice che per anni ha fatto politica, con Prodi, con Napolitano, di cui tra l’altro avevo chiesto l’impeachment, e tutto è stato ribaltato. Io ho la coscienza a posto, mi sono difeso e continuerò a difendermi in aula”.

L’informazione in Rai. “Se l’editore di riferimento della Rai è il Parlamento è evidente che ci possano essere delle influenze –ha affermato Minzolini-. Quando sento parlare di informazione istituzionale io sorrido. Quando io facevo il direttore del Tg1 ho fatto delle cose che all’epoca furono considerate assurde, io feci un editoriale contro la politica tedesca di allora, adesso sento il Presidente del Consiglio che dice le stesse cose. Ho fatto un editoriale contro le aziende di trading e adesso c’è un’inchiesta a Trani. Ho parlato della trattativa Stato-mafia di cui a quei tempi non parlava nessuno, poi ha iniziato a parlarne Il Fatto Quotidiano. E’ chiaro che l’influenza del Parlamento c’è, ma la Rai dovrebbe essere un’azienda plurale, cosa che non è. Ai miei tempi c’ero io, ma c’erano anche Travaglio e Santoro, quindi c’erano visioni plurali. Adesso i tg della Rai sono tutti uguali, così come i talk show. E quelli che non sono uguali, come Virus e Ballarò, vengono cancellati o normalizzati. C’è una visione sola”.

“Io sono convinto che la mia vicenda è uno spaccato del perché in questo Paese le cose vanno male, è un problema di sistema –ha aggiunto Minzolini-. Io mi dimetto dopo quel voto perché voglio che il Parlamento si assuma questa responsabilità. Molti colleghi mi hanno detto che quello che mi hanno fatto è stata una porcata. Io voglio dire la mia nell’aula, poi decida l’aula, ma in ogni caso io il giorno dopo mi dimetterò”.