8 dicembre 2016

L’arrivederci di Canale Monterano ai bimbi Saharawi

 

Dopo 10 giorni pieni di allegria e divertimento, i cittadini di Canale Monterano saluteranno mercoledì 27 luglio i 10 bambini provenienti dal Saharawi, ospiti in paese grazie ad un progetto di accoglienza ideato con la compartecipazione di molte realtà associative canalesi, Amministrazione Comunale e ASAPS (l’Associazione di Solidarietà e Amicizia con il Popolo Saharawi “Enzo Mazzarini”).
Nella tappa canalese, prima in territorio italiano per questo gruppo di ragazzi tra i 7 e i 10 anni, i bambini e le bambine hanno partecipato a diverse attività, trascorrendo tante ore in compagnia di altri coetanei e adulti del posto.

Un grande contributo all’accoglienza dei bambini Saharawi è stato dato dai numerosi volontari che si sono presi cura di loro e che li hanno accompagnati nelle diverse attività, ma anche dalle associazioni locali che hanno contribuito al progetto di ospitalità, bar e ristoranti che hanno offerto gelati e cene e l’ass. Terre Verdi che ha messo a disposizione la sua struttura ricreativa. Infine, un forte sostegno è arrivato dai tanti cittadini, che, attraverso la locale Protezione Civile, hanno fornito generi alimentari, vestiario e prodotti igienici.

I bimbi Saharawi sono stati ospitati presso l’ostello comunale, riaperto per l’occasione dopo oltre un anno di chiusura.

L’amicizia tra Canale e il popolo Saharawi vanta a Canale una lunga storia di accoglienza, interrotta negli ultimissimi anni e ripresa con forza e tanta amicizia quest’anno. Il prossimo anno Canale e i canalesi saranno ancora pronti ad accogliere a braccia aperte questi piccoli ambasciatori di pace, che portano con loro ogni volta la bellezza delle loro tradizioni e l’incredibile dignità di questo popolo.

Prossima tappa Tarquinia, dove speriamo tutti si trovino bene e vengano accolti come meritano.

About Emanuele Bompadre 8269 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.