3 dicembre 2016

Arrivano i Conservatori europei al festival di Frosinone

Tutto pronto per l’ultima settimana di gara del Festival nazionale dei Conservatori italiani – città di Frosinone. La quarta edizione sta per concludersi e, nel corso degli ultimi giorni di competizione, ospiterà la grande novità di quest’anno: la sezione dedicata agli istituti di alta formazione artistica e musicale europei. Al momento, la classifica provvisoria è dominata dal Glutenfree trio, seguito dal Giuliano Gabriele ensemble e dagli Step Two.

Giovedì si esibiranno i musicisti provenienti da Helsinki (Finlandia). I Paradise – è questo il nome del gruppo – affermano di ispirarsi a stili diversi, come free, noise, jazz, pop ed elettronica; esplorano i generi con l’intento di trascenderli e creare qualcosa di unico. Venerdì sera sarà la volta, invece, degli ospiti provenienti da Berlino, città evocata sin dal nome del gruppo: Jazz aus Berlin. Saliranno sul palco di piazzale Vittorio Veneto Musina Ebobissé, Olga Amelchenko, Athanasios “Thanos” Karakantas, Antonello Marafioti e Davide Marafioti.

Per quanto riguarda, invece, gli appuntamenti, dalle 20, con l’angolo della cultura (curati, per tutto il festival, dalla libreria Ubik Frosinone e dall’associazione Tutti i colori del libro con Edicolé), giovedì sarà a Frosinone Patrizia Rinaldi, vincitrice del premio Andersen 2016, con “Ma già prima di giugno”: protagoniste una madre e una figlia. Maria Antonia ha affrontato lutti e miseria, è fuggita come profuga da Spalato, ha perso un marito nelle Foibe e ha visto i fratelli condannati ai campi di lavoro. La storia di questa donna ci viene raccontata da Ena, sua figlia, costretta a letto dall’età avanzata dopo una vita sazia e pigra. E ora, prossima alla fine, ricorda… Venerdì, invece, l’angolo della cultura vedrà protagonista Gennaro Sangiuliano, vicedirettore del Tg1 e collaboratore del «Sole-24Ore», con il suo “Putin. Vita di uno zar”. Chi è davvero Vladimir Putin? Un coraggioso protagonista del nostro tempo, capace di condizionare la politica internazionale, oppure l’ex colonnello del KGB non troppo avvezzo alla democrazia? Insomma, un «nuovo zar»? Per rispondere a questi e altri interrogativi, Sangiuliano ha dedicato al presidente della Federazione Russa, «l’uomo più potente del mondo» secondo la rivista «Forbes», una biografia densa e suggestiva.

Un’altra anticipazione: giovedì, per la sezione delle eccellenze, Mary intervisterà Marco Toro. Dopo il diploma al “Refice”, Marco è diventato uno dei musicisti più importanti a livello nazionale, fino a ricoprire l’attuale ruolo di prima tromba nell’orchestra del Teatro alla Scala di Milano: un traguardo decisamente invidiabile.