4 dicembre 2016

UE: 1’048 casi di Zika, più di metà in Francia, 52 in Italia

 

Nell’ottica della tutela della salute e nella costante attività d’informazione per turisti e viaggiatori Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, comunica l’aggiornamento di valutazione rapida del rischio dell’ECDC (Ente Europeo per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie) che fornisce opzioni per la riduzione del rischio e sottolinea la necessità di prepararsi per l’individuazione tempestiva e adeguata gestione dei casi che possono manifestarsi tra i viaggiatori dopo un periodo di incubazione asintomatico. Dato gli eventi delle ultime settimane, l’ECDC ha  aggiornato la sua valutazione rapida del rischio del virus Zika. Sono 1048 in 18 paesi i casi di Zika documentati nell’Unione Europea nel 2016, nella stragrande maggioranza dei casi dovuti a viaggiatori di ritorno dai paesi infetti confermati in Austria, Belgio, Repubblica Ceca, Danimarca, Finlandia, Francia, Italia, Lussemburgo, Malta, Norvegia, Slovenia, Spagna, Svezia e Regno Unito. Il paese con più segnalazioni, si legge nella mappa interattiva, è la Francia, che ha riportato 616 casi, seguita dall’Olanda con 63 e dall’Italia con 52. Nel 4% dei casi ad essere infetta era una donna incinta. Il 99,2% dei pazienti ha contratto il virus viaggiando nei paesi colpiti e nel resto dei casi si è trattata di una trasmissione sessuale. “Casi di Zika in arrivo da paesi con una trasmissione locale continuano a verificarsi nel’Ue, e ci aspettiamo che il trend prosegua durante l’estate – scrive l’Ecdc nel suo ‘risk assessment’ aggiornato -. Il rischio di trasmissione locale via zanzare è considerato da basso a moderato”.In Europa non è presente la zanzara Aedes Aegypti, considerata il vettore principale del virus, ma c’è la Aedes Albopictus, la cosiddetta ‘zanzara tigre’, che potrebbe essere comunque una fonte di trasmissione, anche se molto meno efficace. Le donne in gravidanza, spiega l’agenzia, sono considerate ad alto rischio e dovrebbero evitare viaggi nei paesi colpiti, mentre altre misure vanno prese per evitare il contagio attraverso rapporti sessuali. “I viaggiatori che tornano da aree con una trasmissione in corso – scrive l’Ecdc -, dovrebbero usare il condom per almeno 8 settimane dopo il rientro. Se in questo periodo si manifestano i sintomi di Zika si dovrebbero considerare l’astinenza o il sesso sicuro per almeno sei mesi”.

Giovanni D’AGATA