10 dicembre 2016

L’Avv. Chiesa, legale di Corona: “Foto hot in barca? Aveva il permesso di andare a Capri”

L’Avv. Ivano Chiesa, legale di Fabrizio Corona, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Legge o giustizia”, condotta da Matteo Torrioli su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

La Procura generale di Milano ha chiesto al Tribunale di Sorveglianza accertamenti e chiarimenti su alcune fotografie pubblicate dai media a fine maggio scorso e che ritraevano Fabrizio Corona, affidato in prova ai servizi sociali e tornato a vivere a casa sua lo scorso ottobre, su una barca a Capri durante un weekend con la cantante Silvia Provvedi. “La Procura generale non ha gradito le foto –ha spiegato Chiesa-. Per questo il magistrato di sorveglianza è intervenuto, richiamando Corona ai suoi doveri di affidato in prova. Fabrizio non si era reso conto che era inopportuno quanto accaduto, cioè il fatto che si era concesso un’ora a prendere il sole. Non è vero che era a Capri senza autorizzazione, lui era lì autorizzato, altrimenti l’avrebbero messo in carcere se non avesse avuto l’autorizzazione. Ieri Corona era a Roma per ragioni di lavoro, se chiede l’autorizzazione per motivi lavorativi può tranquillamente lasciare il territorio lombardo. Sottolineo che Corona è uno degli affidati più controllati che abbia visto nella mia carriera. L’affidato in prova deve comunque tenere un comportamento adeguato alla misura, così si dice. Evidentemente in quel caso hanno ritenuto il comportamento non adeguato. A Corona ho detto che il comportamento conta, ha dato l’immagine di essere in vacanza e un affidato in prova non può andare in vacanza. Essere riuscito a tirare fuori dal carcere una persona con 13 anni di condanna e con un’attenzione mediatica come quella che lo riguarda non era facile, quindi sono orgoglioso di quello che sono riuscito a fare. Con tutti i difetti che può avere, Fabrizio è un ragazzo simpatico e affettuoso, quindi è un piacere assisterlo”.