6 dicembre 2016

“‘Buoni’ assassini”, la prima inchiesta sul delitto Varani: Emilio Orlando presenta il suo libro

Quattro mesi fa il truce assassinio del giovane Luca Varani, uno degli omicidi a sfondo sessuale più efferato dell’ultimo ventennio avvenuto a Roma. Adesso un libro ne rivela gli aspetti più agghiaccianti, le pieghe dell’anima più raccapriccianti, i lati oscuri e i colpi di scena dell’inchiesta.

È di poche ore fa, infatti, la notizia, già anticipata nel volume, secondo cui sarebbe impossibile isolare le impronte sulle armi del delitto, il coltello e il martello con cui è stato finito il ventitreenne: sarebbero troppe le tracce ematiche ed è, dunque, difficile stabilire chi le impugnasse.

Il saggio “‘Buoni’ assassini. Genesi di un delitto” a firma del giornalista romano Emilio Orlando, pubblicato da Bonfirraro verrà nuovamente presentato a Roma, in occasione del Festival delle Letterature – Cinema&Libri. Il nuovo appuntamento è, infatti, fissato per martedì 26 luglio, presso l’Isola Tiberina. La moderazione è affidata a Laura Aprati, giornalista e autrice RAI; interverranno, oltre all’autore, il medico legale Gino Saladini, che ha curato la postfazione del testo,  l’avvocato Antonella Minieri e il docente Davide Toffoli, il professore che non ha mai smesso ricordare con affetto e dolore il suo ex alunno Luca. È lui che al suo funerale citò il Seracide.

È la mattina del 4 marzo, quando Marco Prato e Manuel Foffo – rei confessi – torturano, seviziano e uccidono la loro vittima. Doveva essere solo un party. Uno di quelli che va per la maggiore nella movida romana, dove alcune le feste, tra sesso alcol e droghe, possono andare avanti anche per sei giorni di fila. Diventa invece, la scena di una vera e propria mattanza, avvenuta al di fuori del resto del mondo. Un sacrificio, un’esecuzione. E soltanto “per vedere l’effetto che fa”.

Nella bellissima cornice dell’Isola Tiberina, Emilio Orlando, cronista de La Repubblica insieme alla collega della Rai e agli altri ospiti, cercheranno di portare alla luce le vere cause dell’omicidio, far emergere i dettagli più raccapriccianti, analizzando il lato oscuro dei protagonisti, le carte delle prime indagini e le più atroci confessioni, rivelando quanto ancora non è stato detto: perché se è vero che il delitto ha calamitato da subito l’interesse pruriginoso della maggior parte della stampa, è un dato altrettanto oggettivo che l’argomento sia caduto da un pezzo sotto un sospetto e sospettoso silenzio.

Il libro di Orlando mette in rilievo, dunque, ciò che appare sullo sfondo, ciò che non è ancora stato scritto: quanti sono ancora i dubbi che emergono dagli atti dell’indagine?

Cosa si cela dietro l’intervista televisiva al padre di Manuel Foffo, che definì il figlio – assassino reo confesso – un “bravo ragazzo”?

E, ancora, i due saranno condannati all’ergastolo o una pena più mite perché “in fondo” hanno agito in preda ad una follia omicida scatenata dal “demone” della droga?

Quanto, infine, il famigerato degrado di Roma si è reso complice di questo, come di altri spietati omicidi? Cosa è successo alla grande bellezza della capitale, fiaccata e sfiancata, sempre più insanguinata, teatro di eventi inconcepibili, ormai con cadenza costante?

Orlando, da questo marciume, ne ha tratto un libro di inchiesta che sembra poesia, un noir che sembra thriller, ma che purtroppo è cronaca. Nera. “‘Buoni’ assassini. Genesi di un delitto – Il caso Varani” somiglia, per la perfezione stilistica con cui è stato concepito, a un thriller ben congeniato, ma in realtà è critica analitica che punta il dito non solo e non soltanto contro gli autori del folle gesto, ma anche sui padri e sulle genitrici, sulla testa di una delle quali si è consumato l’orrore. I protagonisti sono il sesso, la droga, tanta – e i tanti soldi per comprarla – le trasgressioni, come infinite varianti del sé… ma anche una continua ricerca di un’identità, persa o mai avuta, così come la direzione. Il vuoto, il nulla.

Non a caso, infatti, Imma Giuliani, nota psicologa e criminologa romana, cura la prefazione, mentre la postfazione è frutto dei saggi di Gino Saladini e Cataldo Calabretta, rispettivamente medico legale e avvocato e docente universitario di diritto dell’informazione.