10 dicembre 2016

Ostuni, la Città Bianca nel cuore della Puglia

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

 

Meta tra le più ambite della stagione estiva, la Puglia offre attrattive in grado di assecondare i gusti e le aspettative di qualunque tipologia di target turistico. Arte, storia, coste, eno-gastronomia sono tutte eccellenze che impreziosiscono la regione e le donano appeal, attirando di anno in anno un numero crescente di visitatori. Nel cuore della Puglia, a circa 45 km a nord di Brindisi, sorge Ostuni, fiore all’occhiello della provincia portuale.

La Città Bianca

Ostuni è nota come “la Città Bianca”. La ragione è facilmente intuibile scrutando il profilo della città, che sorge su un livellamento di circa 300 metri sul mare: il centro, infatti, dona un incredibile colpo d’occhio poiché le sue costruzioni sono quasi tutte bianche, tanto che, osservando da un punto di vista esterno, esso appare come un agglomerato monocromo del tutto sui generis.

Le ragioni vanno ricercate nel massiccio utilizzo, fin dal Medioevo, della calce per l’edificazione di ogni opera, scelta sia perché semplice da reperire e sia perché il bianco riflette la luce, illuminando i vicoli stretti e angusti che caratterizzano la città. Quasi tutte le abitazioni, tutti i pub, i locali e i b&b Ostuni presentano un prospetto di colore bianco, preservando la tipicità del posto.

I monumenti della città

Ma Ostuni non è solo panorami, scorci e suggestioni; la città, infatti, offre la possibilità di scoprire diversi monumenti storici di carattere religioso che raffigurano la storia, intensa, del posto. La Concattedrale di Ostuni è un gioiello di arte gotico-barocca realizzata a partire già dal 1100 e conclusa solo nel 1495. Dal 2011 è stata insignita del titolo di Basilica Minore.

Il Monastero delle Carmelitane, di epoca settecentesca, forma un unico complesso assieme alla Chiesa di San Vito martire, opera barocca edificata nello stesso periodo, e al Museo di Civiltà Preclassiche della Murgia Meridionale. ll complesso valorizza, insieme alla concattedrale e alle chiese dedicate a San Giacomo di Compostela, Francesco d’Assisi e la Madonna col Bambino, il centro storico del posto.

La città vecchia è cinta da antiche mura aragonesi, in parte crollate, che sono rafforzate da due torrioni circolari; sui lati est ed ovest si aprono le due porte della città, rispettivamente, Porta di San Demetrio e Porta Nova.