11 dicembre 2016

Il direttore del MANN-Museo Archeologico Nazionale di Napoli, Paolo Giulierini, presenta il Piano Strategico 2016-2019

I segni della profonda trasformazione in atto sono tanti.
Da mesi – fin dalla nomina, nell’ottobre scorso – il nuovo direttore del MANN Museo Archeologico Nazionale di Napoli, Paolo Giulierini, ha avviato un processo di ridefinizione della centralità e del prestigio di quello che, per patrimonio e collezioni, è sicuramente uno dei musei più importanti al mondo,
mirando a un adeguamento delle strutture, dei servizi e delle attività del MANN alla mission museale e alle più moderne realtà internazionali.

Ora con la stesura e la presentazione del Piano Strategico 2016-2019 – in una bella pubblicazione edita da Electa –le linee guida, gli obiettivi e le strategie per i prossimi mesi ed anni sono esplicitati e condivisidiventando punto di riferimento preciso per l’azione del Direttore e dell’intero staff del Museo, ma anche per la città e i tanti alleati conquistati in questi mesi.

Un messaggio di organizzazione, trasparenza e condivisione che emerge anche nella scelta di presentare il Piano Strategico prima di tutto alla città,
perché con Napoli, in particolare, il nuovo direttore ha avviato un dialogo costruttivo e non scontato a tutti i livelli, consapevole che il MANN come luogo di produzione di cultura debba essere centrale punto di riferimento nella geografia cittadina e nella sua riqualificazione.

Strumento di programmazione fondamentale previsto dalla normativa vigente per i nuovi musei autonomi – che il MANN presenta tra i primissimi
il Piano Strategico appare una sostanziale novità nella prassi manageriale dei luoghi della cultura e quello del Museo napoletano, elaborato da Giulierini con il coinvolgimento dello staff interno e con la collaborazione di Ludovico Solima, Docente di Management delle imprese culturali presso la la Seconda Università di Napoli, dà conto delMANN di oggi (storia, identità, missione, risorse umane, strutturali, artistiche ecc., governance e regolamentazione interna) dei Valori del Museo, sui quali si sta lavorando e per i quali si lavorerà (accessibilità – fisica, economica, cognitiva, ecc – osservazione, ascolto, connessione, trasparenza, sostenibilità) e del MANN del futuro
(vision, obiettivi strategici – edificio e collezioni, servizi, audience e development, comunicazione e soluzioni digitali).
Il tutto indicando tempi e risorse finanziarie.

Se dunque il MANN si propone di coltivare e far coesistere due differenti aspirazioni – da un lato essere testimone e interprete delle sue ricchissime collezioni valorizzando il Museo Archeologico Nazionale di Napoli quale Capitale del Regno e la collezione Farnese, con il materiale campano e pompeiano, quale esito della politica illuminata dei Borboni; e dall’altro recuperare e valorizzare la vocazione alla ricerca scientifica e alla divulgazione del sapere, facendo del MANN un Palazzo degli Studi, dove le lezioni magistrali della storia
vengono dipanate e rese comprensibili ai variegati pubblici
con i quali il Museo entra in contatto – gli obbiettivi strategici sono davvero ambiziosi ma credibili.

Prima di tutto il migliore funzionamento del Museo e la più ampia accessibilità delle sue collezioni non possono che partire dalla cura e dalla conservazione dell’edificio storico che lo ospita.

Previsti dunque importanti interventi sotto il profilo infrastrutturale, compresa la realizzazione di unimpianto di illuminazione a led a partire dal Salone della Meridiana – che oltre a consentire un significativo risparmio energetico migliorerà sensibilmente la qualità dell’esperienza di visita del Museo – così come numerosi sono gli interventi volti a migliorare la fruizione
delle collezioni permanenti attraverso l’incremento della superficie espositiva.

In particolare, sono state programmate e già avviate in questi mesi, con un segnale chiarissimo di operatività immediata:

la riapertura post restauro dei giardini storici avvenuta il 16 marzo 2016; l’apertura della Sala dei culti orientali inaugurata il 28 giugno scorso e l’attesa riapertura
il prossimo 7 ottobre della
Sezione Egizia e della Sezione Epigrafica (momento importantissimo per l’accessibilità di una parte fondamentale del patrimonio del MANN,
con l’esposizione di oltre 1200 opere dopo 6 anni dalla chiusura delle sezioni e con un nuovo allestimento a distanza di 26 anni dal precedente);
quindi la riapertura della Sezione della Magna Grecia nel 2017; l’apertura della Sezione della statuaria campana nel 2018;
l’integrazione delle collezioni vesuviane e l’inaugurazione del Braccio Nuovo del Museo previste per il 2019.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5996 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.