8 dicembre 2016

Processo Olivetti, Della Pepa: “Gestione De Benedetti ha tradito la storia della prima Olivetti che era rispettosa dei lavoratori e della città”

©PUBLIFOTO/LAPRESSE MILANO ITALIA 28-02-1960 L'INDUSTRIALE ADRIANO OLIVETTI.

Carlo Della Pepa, sindaco del Comune di Ivrea, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Riguardo le condanne decise dal Tribunale di Ivrea nel processo per le morti da amianto fra gli ex operai Olivetti. Sicuramente questa sentenza completa il quadro della vicenda –ha affermato Della Pepa-. Da un certo punto di vista valorizza quella che è stata la storia della Olivetti, soprattutto di Adriano Olivetti, che è la storia di una fabbrica attenta alle condizioni dei lavoratori, rispettosa della città e cercava di fare una politica industriale completamente innovativa per l’Italia di quel tempo. La storia si è interrotta con la morte di Adriano. L’azienda ha aperto ad una serie di altri investitori che hanno fatto delle scelte diverse rispetto al passato, fino alla penultima Olivetti che fa una strana scalata a Telecom, da cui viene fagocitata. Di attenzione nei confronti dei lavoratori e della città questi imprenditori ne hanno avuta meno rispetto al passato. E’ drammatico pensare che un’azienda che partiva da quel background, ad un certo punto abbia sottovalutato le evidenze che nel mondo scientifico si andavano man mano verificando della correlazione tra esposizione all’amianto e l’insorgenza di tumori. De Benedetti a un certo punto ha anche preso in considerazione di acquisire Eternit. Per quanto ne so io De Benedetti e gli altri dirigenti non si sono scusati con la città. Anche perché, leggendo le dichiarazioni fatte tra ieri e oggi, De Benedetti e lo stesso Passera ritengono che questa sentenza non sia corretta. Voglio sottolineare che queste persone sono accusate di lesioni colpose e omicidio colposo. Quindi il gioco degli appelli probabilmente non potrà sfociare in una prescrizione del reato. Si arriverà fino alla fine”.