5 dicembre 2016

On. Causi, PD: “Equitalia va superata perchè l’attività dell’esattore deve essere pubblica”

FOTO DI REPERTORIOFoto LaPressecronacaLa scure di Equitalia su Luca LaurentiNella Foto La sede di Equitalia

L’On. Marco Causi del Pd, membro della Commissione Bilancio della Camera, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

In merito all’abolizione di Equitalia. “E’ più o meno da 4 anni che se ne parla –ha affermato Causi-. Credo che i tempi siano sufficientemente maturi per portarla in porto. Equitalia nasce nel 2015 dai rami di azienda bancari delle banche che esercitavano l’attività di riscossione per conto dello Stato. La riforma ha giustamente reso pubblica questa attività. Equitalia però è nata come azienda bancaria e questo lo si vede anche nei contratti di lavoro utilizzati. Questo elemento va superato perché l’attività dell’esattore è un’attività pubblica. Averla ancora incardinata dentro una scatola, che è una spa di origine bancaria, ha sicuramente rallentato la trasformazione in società pubblica. L’azienda Equitalia non dovrebbe far profitto, è sostenuta dall’agenzia delle entrare e dall’Inps, quindi dovrebbe essere no-profit. Questo è il punto fondamentale. La nuova entità che farà la riscossione sarà no-profit. Non c’è bisogno che abbia un approccio aggressivo in quanto entità pubblica. Può restare in spa, ma deve essere rigidamente regolata. Oppure può diventare un’agenzia come l’agenzia delle entrate. Alcuni dicono che dovrebbe entrare nell’agenzia dell’entrata, su questo ho dubbi, perché Equitalia riscuote crediti per tanti altri enti, non solo lo Stato. Non mi sento di sparare sulla riforma del 2005, ma ormai dentro Equitalia è maturo il tempo per diventare pubblica. Ci sono ovviamente problemi contrattuali, bisognerà lavorare per fare questa riforma con i lavoratori di Equitalia e non contro. L’attività di riscossione non può essere eliminata. La riscossione interviene quando un’impresa o un cittadino non ha regolarmente pagato le imposte. Questa attività non può essere eliminata, va però svolta da un ente pubblico, con procedimenti più soft e diversi a seconda dell’entità del debito”.

Consigli per riduzione tasse a Roma. “Quando fu introdotta la tariffa dei rifiuti a Roma al posto della Tarsu molti erano preoccupati che la gente non avrebbe pagato e invece non è stato così –ha spiegato Causi-. Le famiglie romane sono puntuali pagatrice di questa tariffa, le imprese invece danno maggiori problemi. A Roma ci sono due temi strategici: la tari, la più alta d’Italia, perché portiamo i rifiuti fuori Roma. Completare l’impiantistica e rendere Roma autosufficiente avrà un effetto di riduzione della Tari. L’altro elemento strategico è l’addizionale Irpef, rendendo meno costoso e più efficiente la macchina amministrativa questo potrebbe comportare una riduzione dell’addizionale Irpef”.