6 dicembre 2016

M5S, l’avvocato degli “ex” espulsi, Borrè: “Direttorio non compatibile col non-statuto”

Festa dell'Indipendenza degli stati uniti d'america al castello sforzesco, nella foto Beppe Grillo (Massimo Procopio, Milano - 2014-07-02) p.s. la foto e' utilizzabile nel rispetto del contesto in cui e' stata scattata, e senza intento diffamatorio del decoro delle persone rappresentate

Lorenzo Borrè, legale che ha seguito gli ormai ex espulsi del Movimento 5 Stelle prima a Roma e ora a Napoli, ha parlato ai microfoni di Radio Cusano Campus all’interna della trasmissione “Legge o Giustizia”, anticipando che le azioni legali non sono ancora finite.

“Stiamo valutando la compatibilità della nomina del Direttorio con l’articolo 4 del “non-statuto” del M5S –ha spiegato- L’articolo 4 esclude l’esistenza di corpi intermedi all’interno dell’associazione, in quanto vengono considerati delle neutralizzazioni del principio di democrazia diretta. Posto che qualsiasi organo non previsto dal “non –  statuto” deve essere oggetto di una deliberazione assembleare adottata con i quorum di cui all’articolo 21 (ovvero con la partecipazione dei tre quarti degli iscritti e il voto favorevole) bisogna verificare che la votazione on line che c’è stata a suo tempo abbia rispettato questi requisiti e soprattutto se sia configurabile come una vera e propria delibera assembleare. L’assemblea postula non solo una convocazione dell’assemblea stessa ma anche la partecipazione e la compresenza degli associati che discutono sull’ordine del giorno e deliberano di conseguenza.  Il “referendum” del tipo “volete burro o cannoni” oppure “volete Marcello o Sergio” non è una delibera assembleare dal nostro punto di vista. È una sorta di referendum. Bisogna verificare se la nomina di un direttorio sia quindi compatibile”. Se dovesse avere ragione lei cosa accadrebbe? “Si tornerebbe allo spirito originario del Movimento. Dove uno vale uno, dove anche Grillo varrebbe come uno”. Borrè ha commentato la sentenza di Napoli: “Il tribunale ha affermato un principio fondamentale, che rientra nello spirito del Movimento5 Stelle. Sull’esclusione degli associati può deliberare solo un’assemblea di pari. La carenza di potere in capo a chi ha proceduto alle esclusioni si riverbera in una questione di merito. Non tanto, quindi, sulla sussistenza o meno dei presupposti per escludere gli associati, ma proprio sul fatto che chi riteneva di poter espellere altri associati non aveva questi poteri”.