3 dicembre 2016

Calcio, Atletico Morena, Patriarca: “La nuova Juniores dovrà fare un campionato di vertice”

Il suo ritorno è stato già ufficializzato da qualche settimana. Dopo un anno di pausa, Antonio Patriarca farà di nuovo parte dello staff tecnico dell’Atletico Morena nella prossima stagione. L’ex vice di Andrea Aquilanti (ora direttore tecnico del club capitolino) nella stagione 2014/15, quella dell’esordio in Prima categoria, sarà alla guida della nuova Juniores provinciale. “Sono felice di poter tornare a far parte dell’Atletico Morena – dice Patriarca -. Tra l’altro già in precedenza avevo militato per nove anni con varie funzioni nel vecchio Morena e quindi questo per me è un posto speciale”. L’anno di pausa gli è servito per tenersi aggiornato. “Ho visto diverse partite e perfezionato la mia formazione – spiega il tecnico – Spesso ho seguito anche le gare della Juniores e della Prima categoria dell’Atletico Morena perché sono rimasto in buoni rapporti con tutte le componenti di questa società. Quando il direttore generale Sandro Serafini e il direttore tecnico Andrea Aquilanti mi hanno parlato della possibilità di prendere la Juniores, abbiamo trovato presto un accordo”. Patriarca ha già potuto osservare da molto vicino la squadra. “Nel recente torneo di Grottaferrata ho affiancato il tecnico uscente Antonio Iannilli (che si ferma per motivi personali, ndr) e mi sono fatto un’idea di base sulle potenzialità di questo gruppo. Cercheremo di lavorare molto sull’organizzazione e sull’equilibrio in modo di poter fare un campionato di vertice e puntare al raggiungimento dei play off. E’ un peccato che il comitato abbia deciso di considerare come fuoriquota i ragazzi nati nel 1997, vorrà dire che dovremo fare un po’ di turnover per gli elementi di quella fascia d’età”. Patriarca ha già ovviamente conosciuto il tecnico della prossima Promozione dell’Atletico Morena, vale a dire mister Fabio Branchini. “Non devo certo io parlare di un tecnico di quello spessore. Non potrò far altro che mettermi a disposizione di un simile professionista per il bene del nostro club”.