3 dicembre 2016

Roma, anniversario del bombardamento del 1943: apertura straordinaria del centro documentazione dei cimiteri storici

Nella ricorrenza del 73° anniversario del bombardamento di San Lorenzo, l’Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali ha programmato l’apertura straordinaria del Centro di Documentazione dei Cimiteri Storici presso l’Ingresso monumentale del Cimitero del Verano nella giornata del 19 luglio, dalle ore 9.00 alle ore 17.30.

Nel Centro di Documentazione sarà possibile visionare:

  • il catalogo informatizzato del patrimonio culturale, storico e artistico del Cimitero del Verano (circa 7000 schede di monumenti funerari);
  • i materiali documentari: filmati concessi dall’Archivio Storico dell’Istituto Luce sulla protezione antiaerea dei principali monumenti e delle opere d’arte di Roma e sul bombardamento del 19 luglio 1943; un filmato del 1983 concesso dall’Archivio Rai Teche, documento sulle testimonianze del bombardamento di S. Lorenzo da parte degli abitanti del quartiere;
  • materiali didattici su temi urbanistici, storico-artistici, iconografici e storici (dall’evoluzione urbana del Cimitero alle opere di artisti, architetti, scultori, pittori, sepolti al Verano, dalla storia risorgimentale alle guerre del XIX e XX secolo, alle tombe bombardate fra il 1943 e il 1944);
  • le riproduzioni fotografiche dei primi anni del Novecento tratte dal volume dell’architetto Corrado Cianferoni;
  • la mostra fotografica permanente di Anna Forcella; articoli di giornali sul bombardamento di S. Lorenzo;
  • il lavoro svolto fra il 2000 e il 2016 di studio, salvaguardia, valorizzazione e restauro di alcuni monumenti di proprietà capitolina;
  • materiali bibliografici e di archivio relativi al complesso monumentale del Cimitero del Verano.

Infine sarà possibile apprezzare, nel Quadriportico, grazie al recente intervento di restauro a cura della Sovrintendenza Capitolina, la migliorata leggibilità delle iscrizioni delle lapidi poste sul Monumento dedicato alla poetessa educatrice e patriota italiana Erminia Fuà Fusinato.