7 dicembre 2016

MotoGp, Marquezring: la pagella del Dicos

MARC MARQUEZ 110 e Lode: Al termine di una gara come quella tedesca c’è un solo modo per definire una simile prestazione: maestoso! Dopo aver conquistato la settima pole position di seguito in terra crucca, lo spagnolo nelle prime fasi di gara è rallentato dal poco feeling con lo pneumatico anteriore. Al nono giro addirittura commette un errore e mentre effettua una divagazione per ghiaie, alta si alza la telecronaca….quasi non sembra vero….Rientra in undicesima posizione e la gara sembra compromessa. I geni, però, si sa quando tutto sembra andare storto cacciano il classico coniglio dal cilindro e……mancano 13 tornate al traguardo e lui rientra ai box per il cambio moto. Su un asfalto ancora umido, insidioso e freddo con le slick guida divinamente e divora letteralmente chiunque si trova sul suo cammino. Tutti devono inchinarsi e così ottiene sia la vittoria numero 53 sia l’ottantacinquesimo podio; soprattutto ipoteca la pratica per il titolo, il tutto in sella ad una Honda ancora indietro alle rivali. Marziano!

 

CAL CRUTCHLOW 9: Con una Honda privata è il primo degli umani. L’inglese è abile nel non commettere errori nonostante più volte si è trovato nella morsa di avversari tutt’altro che domi. Un risultato che premia i suoi sforzi e regala ai tifosi il ritorno nelle posizioni che contano di uno dei piloti più controversi del circus. Chapeau!

 

ANDREA DESMODOVI 6: Di solito la terza piazza offre voti più alti, ma questa volta a stento vale una sufficienza. Il Dovi, a mio avviso,  ha buttato alle ortiche una ottima occasione di vittoria. La Ducati sul bagnato mette ancora più ali e diventa uno strumento valido per chi vuol puntare alla posta massima. Andrea è primo fino a 7 tornate dalla bandiera a scacchi, quando decide di cambiare la moto. Un cambio tradivo che soffoca la voce dei ducatisti che sognano il successo.

 

VALENTINO ROSSI 4: Il fenomeno dei fenomeni, il più bravo di tutti (così Meda in un contenuto commento pre gara), lo squalo,il re dell’acqua (così in tanti negli anni addietro) stecca clamorosamente. Poche curve dopo il via Mister 9 volte è primo e sembra trovarsi a meraviglia sull’asfalto tedesco. Il sogno di remuntada, però, dura giusto il tempo di 42 urla e 56 miagolii (leggi 3 tornate) che si accavallano durante la cronaca della corsa. Prima il Dovi poi Petrucci lo infilano; tre italiani nelle prime tre piazze, che bello! Bello a metà a sentir (il tono si è abbassato un pochino…) qualcuno….Mentre Marquez rientra al box, il dottore è secondo. Nel frattempo inizia dal suo muretto la supplica per effettuare il cambio moto. Lui, però, continua a rimanere in pista, nonostante lo scuotere di braccia di un tecnico. Anche per lui il rientro è tardivo ed il podio diventa un miraggio….. Chiude ottavo a 26 secondi dal leader, praticamente un’eternità. Chi parla di un Vale più competitivo rispetto all’anno scorso o è in malafede o è poco attento a quanto avviene in pista. Che fine ha fatto il pilota abile nel leggere le fasi della gara, che mette pressione psicologica agli avversari? Il Rossi di oggi, per me, è un pilota che soffre il voler dimostrare a tutti i costi di essere ancora il migliore; sofferenza che lo spinge a sbagliare. Mi permetta un consiglio: lasci perdere certi finti amici e certe pubblicità che servono solo ad esaltare personaggi alla ricerca di personalità. Lei non deve dimostrare più niente; sono anni che prova a vincere il decimo titolo, ma continua a rimanere fermo a 9 volte. E’ stato bello vederlo in azione tra i cordoli, ma ora basta; ogni scarpa diventa uno scarpone, no? Allora perché non dedicarsi solo al Vr 46 Team? Magari potrebbe aiutare dei talenti veri a diventare campioni; ad esempio Bastianini e Di Giannatonio. Bocciato!

 

JORGE LORENZO S/V: Dai, davvero volete prendermi in giro? Siamo seri…..

 

HONDA: Prima ancora solo grazie al migliore.

 

YAMAHA: Paga la scelta di aver puntato sul pilota sbagliato.

 

DUCATI: Bella moto che non balla con gli attuali riders.

 

SUZUKI: Naufragata.

 

APRILIA: Affondata.

 

GARA: Bellissima, ricca di sorpassi e colpi di scena, un vero “scialo”!

 

CURIOSITA’: Anche a voi l’audio a 6 giri dalla conclusione ha avuto un calo luttuoso?

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5976 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.