5 dicembre 2016

Esposito: “Il tweet di Paola Ferrari? La gente non sta bene”

 

Stefano Esposito, senatore del Partito Democratico, è intervenuto questa mattina su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano (www.unicusano.it) , nel corso del format ECG Regione, con Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

Ad Esposito è stato chiesto di commentare il tweet di Paola Ferrari sull’attentato di Nizza: “Ma perché si improvvisano tutti? Tutti sanno tutto,  certo che anche voi avete una voglia di andarvi a leggere tutte le stronzate che vengono scritte. Va bene il lavoro, ma uno dovrebbe anche evitare. Il web ognuno riesce a riempirlo di quello che vuole. Capisco, sospendere il passaporto europeo ai magrebini, figli compresi, dovrebbe corrispondere al panico e al no guerre civili che fanno da premessa alla soluzione? C’è un sacco di gente, sul web e non solo, che non sta bene. Non c’è niente da fare“.

Esposito ha parlato anche di Tav: “Le prime analisi dopo l’incidente in Puglia hanno dimostrato che il problema non è il binario unico. Il binario unico con dei sistemi di sicurezza adeguato è sicuro. Trovo sempre molto curiosa la discussione per cui quando capita un incidente dovuta all’arretratezza di una struttura c’è chi se la prende con la modernità che siamo riusciti a realizzare. Che senso ha prendersela con l’alta velocità? La vera domanda da farsi è perché non sia stato cambiato il sistema di sicurezza del blocco telefonico. E poi se il tema è il raddoppio, perché ci sono voluti sette anni per fare gli espropri. Non si sono fatti perché i comuni che li dovevano portare a termine si sono trovati davanti a situazioni per cui chi doveva rinunciare a un pezzo della propria terra ha fatto ostruzionismo. Addirittura c’era chi si è fatto il problema di come salvaguardare gli olivi. Il problema è che in Italia tu decidi una cosa oggi e poi apri il cantiere, se ti va bene, dopo 10 anni“.

 

Audio http://www.radiocusanocampus.it/podcast/?prog=1517&dl=9317

 

 

Fonte Radio Cusano Campus