8 dicembre 2016

Ardea, piste ciclabili e pensiline: aperto il cantiere sul lungomare

Piste ciclabili, marciapiedi, pensiline, panchine: parte il piano di riqualificazione del lungomare di Marina di Ardea e di Lido dei Pini. Il cantiere è stato aperto oggi e per i prossimi mesi vedrà gli operai al lavoro per rendere più vivibili le parti di territorio più vicine al mare. Sul Lungomare degli Ardeatini nel tratto da via Brindisi a via Bari è prevista la realizzazione del marciapiede, dell’arredo urbano e della segnaletica. Nel secondo tratto – da via Bari fino al ponte sull’Incastro – ci sarà la realizzazione di una pista ciclabile sul lato mare. Nella terza parte – dal ponte dell’Incastro fino a via Alessandria – si prevede invece la realizzazione del marciapiede, della pista ciclabile, della rete di raccolta delle acque piovane, dell’arredo urbano e della segnaletica. A Lido dei Pini, invece, si interverrà su via delle Pinete, dal ponte della Caffarella all’altezza di via delle Noci, con la realizzazione dell’arredo urbano lungo il marciapiede già esistente. “Facciamo un intervento consistente sul lungomare per migliorarne la vivibilità – ha spiegato l’assessore ai Lavori Pubblici, Massimiliano Orakian – Finalmente continuiamo il lavoro già fatto nella realizzazione del marciapiedi del primo tratto di Marina di Ardea, consentendo una maggiore fruibilità del lungomare. Arrivano le piste ciclabili al mare, tenendo presente come sia intenzione dell’amministrazione, poi, proseguire con la passeggiata ciclabile e pedonale anche nell’area di Marina di Tor San Lorenzo. Lavoreremo molto mettendo anche elementi di arredo urbano come panchine, portabiciclette, cestini e alcune pensiline delle fermate degli autobus. Andiamo a riqualificare una delle zone maggiormente degradate del territorio, quella del ponte dell’Incastro e accanto al complesso delle Salzare. Lì c’è un’area di particolare interesse culturale e turistico del territorio, quella di Castrum Inuii, che il Comune ha intenzione di riqualificare. Crediamo molto in questo intervento perché è da questo piccolo elemento che vogliamo puntare al rilancio della città, rendendola maggiormente dignitosa e con più decoro”.