5 dicembre 2016

Sud, il governo si dimentica delle infrastrutture

I binari del nuovo scalo ferroviario di Marghera al servizio del porto di Venezia, 25 giugno 2012. ANSA/ UFFICIO STAMPA AUTORITA' PORTUALE VENEZIA ++HO - NO SALES EDITORIAL USE ONLY++

Fabrizio de Feo intervista Andrea Del Monaco –
Sud, il governo si dimentica delle infrastrutture
L’esperto di fondi Ue Del Monaco: «Tagliati 17 miliardi di euro con la legge di Stabilità»

Roma La suggestione del Mezzogiorno che rinasce attorno a progetti simbolo. La necessità di ricucire un tessuto sociale sfiduciato. La volontà di ripartire dai progetti «lasciati a metà da troppo tempo». La distanza tra lo storytelling renziano e la realtà si scontra spesso con i dati. E così nei giorni in cui, dopo la tragedia del disastro ferroviario tra Corato e Andria, si torna a discutere animatamente della questione meridionale partendo dalle considerazioni su una rete ferroviaria di cui al Sud su 16.673 chilometri complessivi si contano solo 5.733 chilometri, il nodo cruciale è l’effettivo stanziamento del governo per gli investimenti.
Districare la matassa delle cifre non è impresa facile. Renzi continua a smentire di aver diminuito i fondi per il Meridione. In realtà su questo punto da mesi Michele Emiliano sfida il governo a una operazione verità. Chi su questa materia porta un contributo di chiarezza è l’esperto di Fondi Ue, Andrea Del Monaco, che non ha dubbi sulla riduzione delle risorse per il Sud da parte del governo.
«Il Sud ha subito un taglio superiore a 17 miliardi» spiega Del Monaco. «I dati sul Fondo Sviluppo e Coesione sono rintracciabili nella tabella E della Legge di Stabilità 2016. Il Fondo, interamente italiano e programmato insieme ai Fondi Ue, ammonta a 38,7 miliardi. Secondo la Stabilità 2014, l’80% della dotazione del Fsc deve essere investito nel Mezzogiorno. Facciamo i conti. L’80% di 38,7 miliardi è pari a 30,9 miliardi: questa è la quota del Sud. Bene, il Masterplan per il Sud destina al Meridione solo 13,4 miliardi provenienti dal Fondo; 13,4 non 30,9. Mancano 17,5 miliardi. Non è finita qui: l’allocazione di quei soldi è spalmata negli anni: 2,8 miliardi nel 2016, 3 miliardi nel 2017, 3,1 miliardi nel 2018, 29,7 miliardi per gli anni 2019 e seguenti. Insomma, poiché la spesa di 29,7 miliardi è rinviata a dopo il 2019, concretamente quei 38 miliardi sono una favola. Inoltre, poiché il Fsc viene ridotto e la sua spesa posposta, non ci sono i soldi per realizzare le infrastrutture meridionali».
Del Monaco entra nel merito. «La dorsale ferroviaria Napoli-Bari-Lecce-Taranto costa 7,1 miliardi: al 31
dicembre 2015 sono stati spesi 700 milioni, servono 6,4 miliardi per concluderla. La dorsale ferroviaria Salerno-Reggio Calabria costa 504 milioni: al 31 dicembre sono stati spesi solo 207 milioni, ne servono altri 296. Difficile pure il completamento della dorsale ferroviaria Messina-Catania-Palermo. Costa 5,1 miliardi: sono stati spesi 1.058 milioni, servono altri 4 miliardi. Infine l’Autostrada Sassari/Ogliastra costa 930 milioni: ne sono stati spesi 215, servono altri 715 milioni. Queste 4 opere costano 13,6 miliardi: al 31 dicembre sono stati spesi 2,18 miliardi, servono altri 11,47 miliardi».

(da Il Giornale di sabato 16 luglio 2016)

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5944 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.