8 dicembre 2016

Moto 2: Zarco si impone in volata al GP di Germania

Johann Zarco della scuderia Ajo Motorsport vince sotto la pioggia il GP di Germania. Il pilota francese non cade e sul traguardo batte in volta Jonas Folger, Dynavolt GP e Julian Simon, pilota QMMF Racing I due lottano per il primato della classifica iridata comandata adesso dal pilota. Franco Morbidelli, Estrella Galicia 0,0 cade quando era al comando della corsa. Quarto è Mattia Pasini, pilota Italtras Racing partito ventesimo.

La gara tedesca si apre con meteo sfavorevole, la pioggia ha avvolto il circuito alle porte di Hohenstein-Ernstthal e le condizioni dell’asfalto sono critiche. Il migliore del warm up è stato Xavier Simeon, QMMF mentre Lorenzo Baldassarri ora in settima casella della griglia di partenza è stato vittima di una grave caduta ma è regolarmente in gara dopo diversi controlli sanitari.

La griglia di partenza è comandata da Takaaki Nakagami, Idemtsu Honda Team, l’ autore della pole è affiancato da Zarco della scuderia. Anche il pilota di Cannes, autore del secondo tempo in qualifica, è caduto nel corso del warm up che ha concluso al secondo posto. Dalla terza casella di partenza scatterà invece Alex Rins, portacolori Paginas Amarillas HP 40. Franco Morbidelli è al centro della seconda fila e in quarta piazza Simone Corsi, Speed Up Racing.

Le condizioni climatiche e la temperature di hanno contribuito in modo determinate alla scelta della gomme e la gara della classe intermedia parte con Dunlop da bagnato. Si spegna il semaforo e parte bene Zarco che supera Nakagami alla prima curva, il nipponico subisce anche l’attacco di Rins, quarto è Folger e poi Baldassarri. Ma il pilota Honda recupera e si mette in testa al gruppo inseguito dal barcellonese. Corsi e Morbidelli sono settimo e ottavo in centro al gruppo che sia allunga nel corso del secondo giro.

Comanda sempre Nakagami inseguito da Rins e Zarco. Una buona partenza anche per Marcel Schrotter, il pilota AGR team è quarto dietro a Folger che prova l’attacco al transalpino e ha la meglio diventando il nuovo terzo. Il corridore Team Asia prova l’allungo e dopo due giri ha un vantaggio di oltre 0,7 secondi. Cade Miguel Oliveira, Leopard Racing che scivola alla curva otto, punto critico insieme alla 11 del tracciato tedesco. Stessa sorte e stessa curva anche per uno dei protagonisti di vertice: Schrotter. Fuori dalla corsa allo stesso punto anche Simone Corsi mentre Xavi Vierge, scuderia Tech3 va nella ghiaia alla tre. Le cadute saranno una costante della gara e determineranno il risultato finale.

Al quinto giro Nakagami segna il miglior tempo anche lui cade alla curva tre. La sua corsa è praticamente persa anche se prova a ritornare in sella e ripartire. Rins si trova così al comando inseguito da Folger e poi Zarco. Morbidelli è quarto ed inseguito dal compagno di box Alex Marquez. Nelle prime dieci posizioni Luca Marini che è settimo mentre il suo compagno di team Lorenzo Baldassarri accusa i postumi dell’incidente della mattina e perde posizioni staccandosi dalla testa della corsa. A meno ventun giri dalla fine è Folger a passare al comando con un sorpasso in staccata su Rins mentre allo stesso giro Sam Lowes cade alla curva nove; il britannico del team Gresini ritorna in sella, il suo difficile GP di Germania è compromesso così come la sua rincorsa iridata dal terzo posto in campionato.

Rins torna al comando e dopo dieci giri dall’inizio prova a staccare Folger che non molla. Sia accende la lotta per la terza piazza con Morbidelli che prova ad attaccare duramente Zarco. Il transalpino resiste e chiude la traiettoria, i due entrano in contatto. La sfida è nel vivo, i piloti sono vicini e il francese attacca a sua volta Folger. Rins sembra avvantaggiato di qualche metro sulla bagarre per la seconda piazza. Dopo qualche passaggio però il pilota di casa perde posizioni mentre alla curva dieci cade Marquez.

Rins continua a spingere ma non riesca a staccare Zarco quando Morbidelli è terzo e mancano quindici giri alla fine. I tre hanno due secondi di vantaggio su Folger che a sua volta stacca il gruppo di 11 secondi. Morbidelli prova il secondo attacco a Zarco e questa volta l’italiano ha la meglio. Il portacolori Estrella sorpassa anche Rins e alla curava sei diventa il nuovo leader della gara. Cade Luthi alla ormai famosa curva otto.

Quando mancano meno sette giri alla fine l’italiano è vittima di una scivolata alla curva uno, riparte ma perde molte posizioni, la sua gara finirà con questa delusione. Anche Rins nelle battute finali ha la stessa sorte dell’italiano, sempre in staccata alla Cola Kurve. Cadono poi Sandro Cortese, pilota di casa e portacolori Dynavolt GP e, per la seconda volta, il numero 40 Paginas Amarillas. Ancora nella ghiaia a meno quattro giri dalla fine Sam Lowes.

Per Zarco i giochi sembrano fatti ma deve difendere la sua prima piazza da un arrembante Folger. I due arrivano in volata, sotto la bandiera a scacchi ha la meglio i transalpino. Terzo è Julian Simon, QMMF Racing. L’Italia si consola con il quarto posto di Mattia Pasini.

La classifica iridata della classe intermedia cambia ancora. Al comando passa Zarco che sul podio celebra con la consueta capovolta la sua quarta vittoria stagionale. Per il francese ora sono 151 punti. Rins resta secondo a 126 lunghezze iridate e non subisce il sorpasso di Lowes, anche lui fuori gara e fermo a 121 punti iridati.

Fonte: motogp.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5987 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.