8 dicembre 2016

“Claudio possibile che ci ricaschi sempre?”

Insomma Claudio non è la prima volta e tu ci ricaschi sempre te lo hanno sempre detto ma niente anche questa volta hai deciso di andare al centro di Roma. La città che ha dato i natali a illustri personaggi, culla dell’arte e della cultura non ti vuole o meglio chi fino ad oggi ha governato ha deciso che tu non sei il benvenuto e che devi stare a casa.

Magari se eri ricco e potevi permetterti un autista o un taxi tutti i giorni sicuramente eri il benvenuto ma così con le tue sole forze non è possibile. I mezzi pubblici ti remano contro, le stazioni invece ti vogliono così tanto bene che quando ci arrivi non vogliono che tu esca.

13731599_1825875344310551_438425733192552632_nEppure più di una volta ti sei fatto sentire, insieme al tuo amico Simone avete marciato e corso sotto il sole a volte con la pioggia qualche volta anche con la febbre per gridare a gran voce che era urgente fare qualcosa, che le infrastrutture non sono idonee, che la spesa pubblica andava gestita in maniera tale da rendere facile una cosa che in realtà è difficilissima o forse il contrario. Importanti le promesse che avete ricevuto dall’ex sindaco Marino ma che purtroppo non sono state mantenute, importanti anche le promesse del nuovo sindaco Virginia Raggi che si capisce deve ancora cominciare un’opera di risanamento che la vedrà scontrarsi con realtà complicatissime, ma nel frattempo Claudio che farà?

Ce lo immaginiamo a guardare fuori dalla finestra verso l’orizzonte sperando che un giorno qualcuno lo chiami e gli dica, adesso puoi andare, adesso sei come tutti noi, non dovrai essere più preso in braccio e di peso per uscire dalla stazione Termini, non dovrai pregare più nessuno per accompagnarti perchè quel giorno potrai uscire di casa andare verso la stazione scendere con l’ascensore prendere la metro arrivare in centro uscire farti un bel giro e poi rientrare a casa.

Chi legge dirà ma cosa sto leggendo? Stai leggendo la vita quotidiana di un diversamente abile in carrozzina, delle difficoltà che incontra per uscire di casa, l’enorme sforzo di non cadere in depressione perché gli altri fanno cose che lui non può fare per colpa non di uno strano scherzo della vita ma da chi dovrebbe tutelare e permettere che ogni essere umano abbia una vita dignitosa.

Perché non è possibile rimanere due ore al binario della Stazione Termini perché l’ascensore non funziona aspettando che un gentile dipendete dell’Atac lo aiuti a salire in superficie prendendolo di peso come un sacco di patate. Perchè non è normale che per tornare da Roma a Dragoncello debba essere costretto ad arrivare fino alla fermata di Castelfusano per poi tornare indietro perchè su un lato non funzionano i montacarichi. Non è normale che uno spostamento breve diventa un’odissea.

Noi ci uniamo al messaggio che Claudio ha lanciato al nuovo sindaco che dia subito un segno importante e diretto per poter finalmente rendere la vita di un diversamente abile normale come quella di tutti.

About Emanuele Bompadre 8279 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.