3 dicembre 2016

Salvatore Esposito: “Polemiche su emulazione? L’italiano è rimasto colpito perché abituato a preti e alle suore supereroi”

 

Oggi all’Università Niccolò Cusano si è tenuto il dibattito dal titolo “Raccontare il crimine, scegliere la legalità”, con Salvatore Esposito (attore della serie tv ‘Gomorra’) e i giornalisti Carlo Bonini e Sergio Nazzaro.

In merito alla serie tv ‘Gomorra’ e le polemiche sul rischio di emulazione da parte dei giovani, Esposito ha spiegato che “lo spettatore medio italiano negli ultimi 10 anni ha dovuto sorbirsi le storie di un prete supereroe, che fa pure il detective e lo psicanalista, o quelle di suore che portano tutti sulla retta via. Sono fiction che raccontano realtà distorte. Allora si capisce perché Gomorra ha toccato in maniera così netta l’animo dell’italiano medio. Qualche settimana fa sono stato ospite alla Notte bianca della legalità organizzata dal Comune di Roma. Ho conosciuto tanti giudici e magistrati che mi hanno fatto sentire una star, mi hanno fatto moltissimi complimenti per come avevamo rappresentato quei personaggi. Le polemiche su questa seconda stagione sono nate per un vibratore o per altre facezie. Sono stati soprattutto alcuni politicanti a generare polemiche, cavalcando il successo di Gomorra. Si sono attaccati a queste polemicucce per non parlare del tema centrale di Gomorra, che è la totale assenza dello Stato. La polizia c’è, la raccontiamo, ma raccontiamo anche l’assenza delle istituzioni, che non supportano la polizia stessa. Dov’è lo Stato che deve dare casa e lavoro alle famiglie e ai ragazzi in quei luoghi? Un ragazzo che nasce in quelle realtà ha poche scelte, pur volendo allontanarsi dall’ambiente criminale non è supportato dallo Stato, che taglia i fondi alla cultura e all’istruzione. In Gomorra lo Stato è raccontato come non pervenuto”.

Sul tema è intervenuto anche il giornalista e scrittore Carlo Bonini, autore del libro ‘Suburra’. “C’è un problema di fondo –ha affermato Bonini- quando si racconta il male. A nessuno sfugge che questo materiale è complicato da maneggiare. Basti pensare che il male è un archetipo con il quale abbiamo a che fare da quando esiste l’uomo. La tragedia greca è incentrata su questo. Il fatto che l’uomo sia attratto dalla narrazione del male e dall’esperienza del male fa parte del genere umano. Il problema è come il male viene rappresentato. Noi siamo passati dalla Piovra a Gomorra, cioè da un racconto in cui il protagonista è l’eroe positivo a un racconto in cui il punto di vista è quello del criminale. Credo che si tornerà al racconto dal punto di vista dell’eroe positivo, ma ci vorrà tempo perché questo accada”.

Secondo il giornalista e scrittore Sergio Nazzaro “La discussione oziosa su Gomorra –ha spiegato Nazzaro- è nata perché la Serie è stata in grado di rappresentare la realtà. In tv nei telegiornali sentiamo parlare di guerra, di tragedie dell’immigrazione, ma non si vede mai un morto. Sui siti internet c’è l’avviso: ‘attenzione, immagini che potrebbero urtare la sensibilità’. Ma quale sensibilità? Gomorra è un grande prodotto di fiction, ti cattura, ti puoi anche divertire. Poi però sta allo spettatore farsi venire qualche dubbio e interrogarsi su questi fatti”.

Riguardo la terza stagione di Gomorra, attualmente in produzione, Salvatore Esposito ha risposto a chi si chiede se Salvatore Conte sia ancora vivo. “Avete mai visto un morto resuscitare?” –ha chiesto ironicamente l’attore alla platea.

In merito ad una possibile alleanza con Ciro Di Marzio invece, Esposito ha affermato “Chissà, vedremo… Magari faranno un’alleanza e ce li ritroveremo pure in Parlamento”. Potrebbero creare il vero partito della Nazione… “Ma questo è impossibile, perché infondo non è mai successo che dei politici fossero accusati di associazione mafiosa, no?”.

Fonte: Radio Cusano Campus